SENIGALLIA – Le pagelle di Vigor-samb 1-0
Chessari 5,5 Meno male che l’arbitro annulla il gol di Giorgini, perchè la sua uscita alta non era stata impeccabile in quanto a tempestività. Sul gol di Smerilli può poco. Fortunato in un’altra occasione sempre sul diavoletto di casa, quando due pali consecutivi e la sua schiena lo salvano

Zazzetta 5,5 Terzino poco fluidificante, mastino poco mordente. Emblema di una difesa della Samb che ahinoi al “Bianchelli” era proprio scombinata

Nicolosi 5,5 Si becca un cartellino giallo e non appoggia il gioco che deve essere avvolgente su un campo piccolo come quello di Senigallia.

Rulli 6 Mette lo zampino nell’azione del rigore, ma manca della consueta esplosività e potenza

Natalini 5,5 Gioca in un ruolo non propriamente suo e si nota. Smerilli gli va vedere i sorci verdi

Mengo 5,5 Mezza difesa della Samb non c’è, ed Eddy non riesce a tener su la baracca. La Vigor viene fatta passare per una forza del campionato

D’Angelo 6 Evanescente, poco incisivo. L’unica cosa concreta che porta a casa è il rigore guadagnato, quando viene strattonato malamente da un centrocampista locale

Oresti 6 Inizia bene, il campo sintetico ne mette in evidenza il tocco di palla felpato. Ma a Senigallia non è il suo biliardo, mancano le sponde giuste e la palla in buca la mette solo la Vigor

Gentili 5 Non pervenuto. Poco consistente, non velocizza il gioco né lo concretizza

Cacciatore 5 Batte un rigore che peggio non si può. Si fa vedere con qualche conclusione, ma il voto basso è inevitabile, visto l’errore dal dischetto

Bianchi 6 Appena sufficiente la sua prestazione, giusto per lo stupendo tiro che si infrange sulla traversa e che sugli sviluppi vale il penalty alla Samb. Per il resto, non pervenuto.

Marzeglia 6,5 Quantomeno ha esplosività, e in una Samb moscia non guasta. Prende una traversa dopo pochi minuti dall’ingresso in campo

Giandomenico ng

Biancucci 5,5 Divora il possibile pareggio nei minuti finali, sparando alta la palla a un metro dalla porta

Palladini 6 Formazione obbligata, difesa più che rimaneggiata, elementi chiave in forma non ottimale. Le giustificazioni per mister Ottavio ci sono tutte, e in un campionato comunque stradominato non ce la sentiamo di buttargli la croce addosso. Però Marzeglia, diamine, potrebbe giocare dall’inizio. No?

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 842 volte, 1 oggi)