ASCOLI PICENO – E’ stato presentato nella tarda mattinata di oggi il progetto “Laboratori didattici”. L’iniziativa si compone di una serie di proposte didattiche e di servizi per le scuole e per i gruppi organizzati ed è stata promossa dalle società “Integra”, “Piceno con Noi” e “Pulchra”, con la collaborazione della Provincia.

«Il progetto è rivolto non solo alle scuole ma anche ad un pubblico adulto – sostiene Stefania Agostini della cooperativa Integra – con lo scopo di valorizzare il bene culturale. Le proposte didattiche sono in alcuni casi dei veri e propri laboratori dove si sperimenta, si manipola e si crea, in altri invece semplici visite guidate».

E’ prevista per sabato 13 e domenica 14 marzo dalle 16 alle 19 presso il Polo Museale della Cartiera Papale la presentazione di tutte le attività del laboratorio didattico che si divideranno in tre tipologie: la sezione “magli e vasche”, legata al mondo della carta, dei mastri cartai e delle tecniche di fabbricazione e rilegatura; la sezione “mulini e macine” incentrata sull’acqua e la lavorazione del grano e della farina con un’analisi sensoriale dei vari tipi di pane e, infine, la sezione “museo Orsini” focalizzata sull’acqua come fonte di vita degli essere viventi nei mari, nei fiumi e nei laghi. Ogni attività è preceduta dalla visita dell’intera struttura.

«La Cartiera Papale è l’unico museo di proprietà della Provincia – afferma Andrea Maria Antonini, assessore provinciale alla Cultura e Pubblica Istruzione – deve diventare un punto di riferimento del turismo scolastico creando degli eventi e delle attività per valorizzarlo soprattutto per la sua particolare posizione. Gli studenti hanno una propensione per quello che riguarda la sfera della scienza e sono maggiormente attirati da quei musei dove si può imparare interagendo come ad esempio il Museo Balì di Pesaro che vanta più di 70 mila visitatori l’anno soprattutto scolaresche».

«Il complesso deve diventare un punto vitale e attivo – conclude l’assessore Andrea Maria Antonini – con un rinnovo costante e la creazione di spazi liberi per mostre ma anche per i privati che possono dare un contributo importante attraverso l’organizzazione di eventi o iniziative opportune all’interno della cartiera stessa. Inoltre siamo in attesa di un finanziamento europeo per trasformare una parte della Cartiera in un museo dedicato all’acqua».

Per maggiori informazioni e costi è possibile contattare il numero 0736.298213 (tutti i giorni escluso il lunedi pomeriggio) o visitare il sito internet www.museicartierapapale.it

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 536 volte, 1 oggi)