TOSSICIA  –  MARTINSICURO 0-1 (0-1)

 

TOSSICIA: Bartolomei 6, Timoteo 6.5, D’Orazio 6, Lo Re 6, Esposito 6.5, Proietti 6.5, Coker 6 (27’st Pigliacelli 6.5), Di Paolo 6.5, Gonzales 6, Falasca 6.5 (9’st D’Ortenzio 7), Di Saverio 6. A disp. Del Trecco, Dartagnan, Gambacorta, Zitti, Stacciasacco. All. Spina

MARTINSICURO: Carfagna 6.5, Vignoni 6.5, Piunti 7, Cipolloni 7, Sabini 6.5, Vallese 6.5, Minollini 6.5, Del Grosso 6.5, Capretta 6.5, Nepa 7 (44’st Picciola ng), Massetti 6.5. A disp. Damiani, Coccia, Toska, Ulissi, Capretti. All. Fanì

Arbitro: Matteo Paradisi di Teramo 6 (Di Carlo e  Strappelli)

Rete: 33′ Capretta

Note: espulso 40’st Capretta e Fanì (All. Martinsicuro). Ammoniti  Lo Re, Proietti e Di Paolo (Tossicia), Carfagna e Massetti (Martinsicuro). Spettatori 60 circa, angoli 4 a 2 per il Tossicia.

 

MONTORIO AL VOMANO –  Il Martinsicuro batte il Tossicia nel recupero di Promozione e riprende solitario la vetta del girone. La gara si è disputato presso l’impianto vecchio di Montorio, vista la non praticabilità dell’impianto di Tossicia. Il campo di Montorio si è dimostrato ai limiti della praticabilità, con la gara vissuta in gran parte sul piano fisico dato che il terreno di gioco, pesantissimo, non permetteva lo sviluppo di azioni con trame decenti.

Il Tossicia si mostra al gran completo, con il febbricitante Pigliacelli in panchina e la coppia d’attacco formata da Gonzales e Di Saverio, supportati da Falasca.

Pesanti le assenze tra gli ospiti. Fanì deve rinunciare a due centrali, Capretti e Paci, e al centrocampista Scarpantoni, tutti alle prese con gli infortuni, oltre allo squalificato centravanti Ventresini. Fanì è costretto ad inventarsi la difesa, spostando al centro il duttile Vallese a far coppia con Sabini, con Vigmoni a destra e Piunti a sinistra. In attacco il solo Capretta supportato da Nepa con Minollini e Massetti sulle fasce.

Si è visto fin dall’ inizio che la gara sarebbe stata povera di azioni e tutto si sarebbe sviluppato con lunghi rilanci. Il primo cenno di cronaca al 26′ con un tiro dai 25 metri di Capretti alto. Cinque minuti dopo stessa sorte per il tiro di Falasca. Il risultato si sblocca al 33′ quando Nepa apre in diagonale per Capretta che sullo scatto brucia il suo marcatore ed entrato in area mette in rete. La partita non offre più sussulti nel corso del primo tempo.

Ad inizio ripresa mister Spina gioca la carta D’Ortenzio, che ravviva e non poco il gioco d’attacco dei locali. E’ proprio il neo entrato che al 13′ si proietta su una corta respinta di Carfagna, ma sul suo tiro si immola Piunti che devia. Al 17′ azione confusa in area del Martinsicuro, con tiro di Di Saverio che fa la barba al palo. In questa occasione protesta l’allenatore del Martinsicuro che viene espulso dall’arbitro.

Al 28′ gli ospiti hanno una ghiotta occasione per il raddoppio: Capretta lavora una buona palla sulla fascia sinistra, supera un avversario e porge la sfera a Massetti appostato a centro area. Il tiro a colpo sicuro del numero 11 del Martinsicuro si perde alto, scheggiando la traversa.

Al 40′ gli ospiti rimangono in dieci per l’espulsione di Capretta, reo di aver risposto agli insulti di alcuni spettatori locali. Sei i minuti di recupero concessi dall’arbitro, senza che gli ospiti corrano gravi pericoli.

Con la vittoria il Martinsicuro si consolida al primo posto in classifica, distaccando di tre punti il Valle del Gran Sasso. Una prova di orgoglio dei ragazzi di Fanì viste le tante assenze. Domenica arriva al comunale il Pratola Peligna impegnato ad evitare i play-out, prospettiva invece molto probabile per il Tossicia.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.161 volte, 1 oggi)