ASCOLI PICENO – Se n’è andato, in silenzio, il simpatico Tonino Carino. Malato da diversi mesi, il popolare giornalista ascolano si è spento lunedì 9 marzo nella sua abitazione di Ancona a 66 anni. Simpatico ed indimenticabile corrispondente di “Novantesimo Minuto” ai tempi del glorioso Ascoli di Costantino Rozzi, tornò in auge alla fine degli anni ‘90, quando Fabio Fazio lo ingaggiò nel cast di “Quelli che il calcio”.

Carino aveva cominciato la sua professione al Corriere Adriatico. Successivamente era entrato in Rai, nella sede marchigiana, dove era stato anche caporedattore dal 1991 al 2002.

Il suo stile, indulgente e docile, era stato più volte oggetto di ironia e simpatiche battute, tanto che il “Trio”, composto da Tullio Solenghi, Massimo Lopez e Anna Marchesini, gli dedicò una filastrocca di scherno: “Sono Carino, sono piccino, sono la gioia di mammà. Se mi sporco il vestitino, il papà mi fa cià cià!”.

Nel 2008, durante la trasmissione rievocativa di Fx “80° minuto”, Carino raccontò parecchi aneddoti legati alla sua carriera in quella che fu una delle sue ultime apparizioni televisive.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.436 volte, 1 oggi)