Samb Calcio. Per i rossoblu di Palladini ora la serie D è molto più vicina rispetto a domenica scorsa quando servivano ancora 16 punti per la matematica promozione.
Adesso ne servono 12 a patto che il Piano San Lazzaro vinca tutte le ultime nove gare. Chiaro che di punti ne servano qualcuno di meno. Insomma quota 77-78 dovrebbe garantire la promozione e cioè appena 9 punti sui restanti 24.
Ma la nota più positiva di questa Samb, anche in prospettiva futura, è la forza e l’organizzazione della difesa: nelle ultime 15 partite ha subito appena due gol, entrambi decisivi però.  Lo 0-1 con la Vis Pesaro e l’1-1 con il Real Metauro, due partite, tra l’altro, dominate dall’inizio alla fine.
I campionati si vincono principalmente in difesa ed è questo il migliore auspicio per il futuro della squadra rossoblu.
Addirittura la certezza della “D” potrebbe arrivare in sette giorni perché dal 14 al 21 marzo si giocheranno tre gare e 9 punti darebbero la promozione al 99%.

A quel punto inizierà la caccia ai record tra i quali i più prestigiosi sono l’assenza di sconfitte esterne ed un altro che potrebbe essere più unico che raro: battere tutte le 19 avversarie almeno una volta. La situazione attuale è questa: la Samb non ha ancora battuto Jesina, Grottammare e Vis Pesaro. La Jesina arriverà domenica e per l’occasione stiamo preparando un bel ritratto dei due tecnici, Fenucci (nelle vesti di portiere e allenatore con il Biagio Nazzaro fu il primo a battere la Samb al Riviera delle Palme nel torneo di Eccellenza 1994-95, 1-0 con gol di Zaccarelli) e Palladini che vi faremo conoscere meglio mettendoli a confronto con due interviste particolari sulla nostra Web TV.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.695 volte, 1 oggi)