SAN BENEDETTO DEL TRONTO – In campo: Corso, Loggi, Citeroni, La Riccia, Spinozzi E., Tassotti, Angelini M., Valentini, Buonamici, Coppa, Stracci, Mecozzi, Pasqualini, Gagliardi V., Spina. A disposizione: Gagliardi R., Marranconi, Di Rosa, Apostoli, Angelini A., Iaconi, Testa.
Romagna mia, cantano i legionari di ritorno da Cesena, dove, una settimana dopo l’altra vittoriosa trasferta di Rimini, la formazione sambenedettese ha nuovamente concretizzato il suo indiscusso primato superando con facilità proprio la seconda in classifica, staccata adesso di ben venti punti (65 i legionari, 45 i cesenati). Gara che rappresentava il recupero di un incontro che doveva disputarsi prima di Natale, poi rimandato causa neve.
Bell’inizio degli ospiti, subito in meta con Angelini M. dopo una maul nata da una touche vicino la zona di meta censenate. Poco dopo il capitano ha replicato schiacciando in meta la palla portata in area di meta avversaria dal pacchetto di mischia. Dopo l’intervallo, complice una disattenzione, i padroni di casa andavano in meta ma i sambenedettesi, dopo circa 20 minuti, riaprivano le danze con Spina, che segnava la terza meta con una potente percussione. Sul 5 a 17 Carlo Coppa, al rientro dopo un lungo infortunio, trasformava un maul prolungato in meta, seguito poi da Marco Valentini. Soddisfazione per questa vittoria che a tre giornate dal termine consegna alla Legio la quasi certezza del primo posto in campionato, ma coach Pignotti predica umiltà, perché l’obiettivo finale deve essere quello di terminare il torneo senza sconfitte.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 396 volte, 1 oggi)