ASCOLI PICENO – Sua maestà Manuel Agnelli, imperatore del rock italiano almeno dell’ultimo quindicennio, assieme ai suoi Afterhours: signore e signori, al Teatro Ventidio Basso di Ascoli l’evento è di quelli – per gli amanti del genere e della buona musica – imperdibili. Mercoledì 3 marzo, la più nota band italiana, oramai popolare tanto che non etichettabile più come indie ma neppure – non sia mai – mainstream, aprirà il suo tour teatrale proprio al Ventidio Basso (già polverizzati i biglietti) per “Il Teatro degli Afterhours”.
Saranno ovviamente proposte tutte le canzoni del loro repertorio, da Germi al fortunato I Milanesi Ammazzano il Sabato del 2008. Per la tappa ascolana due ospiti di eccezione: gli Gnu Quartet, estroverso e poliedrico gruppo genovese che vanta numerose collaborazioni e pubblicazioni discografiche, incentrate su un definibile “crossover” del cantautorato italiano, ed Emidio Clementi, sambenedettese di origine ascolana, stella dell’indie italiano degli anni Novanta con i suoi Massimo Volume, recentemente riformati (mentre Clementi si è dedicato ad una proficua attività di scrittore). Per Clementi, unito da una forte e antica amicizia con Agnelli, non si tratta della prima esibizione live con gli Afterhours, anzi, c’è da ricordare persino un tour in comune (“Agnelli Clementi”).
Lo spettacolo sta per ricominciare.