Rispondi alla domanda del nostro quiz e scrivi la risposta a concorso@rivieraoggi.it: vinci due biglietti per la proiezione del film.

Quale film di Clint Eastwood, in cui era anche attore, gli valse il primo premio Oscar alla regia nel 1993?

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Prende il via la rassegna stagionale “Mondi lontani, mondi vicini” giunta ormai alla IX edizione ed organizzata presso il Teatro Concordia dal Cineforum San Benedetto Buster Keaton in collaborazione con il Settore Servizi alla Persona del Comune di San Benedetto del Tronto e la Consulta Comunale per l’Immigrazione. Film di apertura della rassegna, martedì 2 marzo, è “Gran Torino” diretto da Clint Eastwood, per il quale è prevista una proiezione straordinaria alle ore 10 riservata agli studenti delle scuole medie superiori che hanno aderito: l’Istituto Tecnico Commerciale, l’Istituto Alberghiero, l’Ipsia, il Liceo Socio-Pisco-Pedagogico, l’Istituto per Geometri.

Le proiezioni di ciascun film, per tutto il pubblico sono due: alle 17 e alle 21.30. Solo per la proiezione pomeridiana, l’ingresso è gratuito per coloro che hanno superato i sessantacinque anni e per gli studenti delle scuole medie superiori. Per i cittadini immigrati l’ingresso è gratuito per l’intera rassegna.

Domenica 7 marzo, inoltre, in occasione della Festa della Donna, ci sarà, la proiezione gratuita per tutto il pubblico del film “Il canto delle spose”.

“Gran Torino”, titolo del film, è la macchina comprata nel 1972 da Walt Kowalski (Clint Eastwood) un reduce della guerra di Corea, di carattere burbero e spavaldo, che non mostra pudore nel manifestare il proprio sentimento anticoreano, nato durante la sua campagna in Corea, quando vide morire suoi amici per mano dei nemici. A peggiorare la situazione, il quartiere da lui abitato negli ultimi anni è diventato il principale centro suburbano della comunità coreana, e le bande giovanili danno molto fastidio a Walt. Anche se frustrati e maltrattati da Kowalski, i coreani aiuteranno l’uomo a risolvere i problemi personali che tiene con la famiglia, per diventare amici e aiutarlo a ripudiare il razzismo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 444 volte, 1 oggi)