ANCONA – In vista della rendicontazione alla Commissione europea della programmazione 2000-2006 dello Sfop, Strumento Finanziario di Orientamento della Pesca, l’Assessorato alla Pesca della Regione Marche, Vittoriano Solazzi, ha fatto il punto sui risultati conseguiti.

«Le vicende Sfop – spiega Solazzi – sono state molto tormentate e hanno messo le Regioni in seria difficoltà nel 2005, a seguito della procedura comunitaria di messa in mora del programma, che ha comportato il blocco dei rimborsi delle domande di pagamento. Successivamente nel 2008, quando si è avuta notizia dell’applicazione del disimpegno automatico al programma per oltre 9 milioni di euro di risorse pubbliche a causa dell’invio della certificazione di spesa del programma fuori termine».

Prosegue l’assessore: «L’applicazione del disimpegno automatico ha coinvolto solo la dotazione del Ministero, che ha in ogni caso affermato di poter far fronte al problema con altre risorse e comunque la Regione Marche in particolare non ha subìto tagli».

«A fine programmazione – aggiunge Solazzi – la performance raggiunta dalla nostra Regione sembrerebbe positiva, attestandosi il livello della spesa ad oltre il 100% delle risorse comunitarie disponibili. Il settore è stato pertanto tutelato nelle Marche, e sono stati raggiunti gli obiettivi di spesa prefissi: le risorse Sfop certificate sono state 7,286 milioni di euro, a fronte di 7,251 disponibili».

Dice ancora l’assessore: «La nuova programmazione del Fep sembra però già partire con il piede sbagliato: dopo un avvio ritardato, nonostante l’impegno regionale profuso nel recuperare il tempo perduto nuovamente incombe sul programma la procedura del disimpegno automatico che pare essere stata attivata dalla Commissione europea sin da luglio 2009».

«Anche in questo caso – conclude Solazzi – sono a rischio i fondi per le Regioni ricadenti in area convergenza, i cui piani finanziari prevedono lo stanziamento di risorse sin dall’annualità 2007, mentre le Regioni fuori convergenza sono a serio rischio per l’annualità 2008, qualora la procedura non dovesse risolversi positivamente e comunque in tempi celeri».
.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 598 volte, 1 oggi)