BARTOLOMEI Sono 40 anni che vivo le passioni che questa squadra ci dà, prima da ultras in curva poi da tifoso in tribuna, nel lato destro, in basso, dove ancora adesso sto. A marzo di quest’anno ho avvicinato la Samb e ho conosciuto Sergio Spina, e da lì è nata la stessa simpatia che due persone unite per salvare la squadra. Non ci conoscevamo prima, ci siamo conosciuti attraverso amici comuni
ALESSANDRO CIVARDI Io sono diventato tifoso a 6 anni, nel 1986. Mio nonno era conosciutissimo a San Benedetto, Emidio Agostini. Poi l’anno scorso dopo le grandi “frustate” prese, quando mi è arrivata sotto gli occhi l’iniziativa Tifosi Pro Samb ho capito che il mio piccolo sostegno poteva essere utile. L’ho sostenuto assieme agli amici fino a qualche giorno fa quando abbiamo incontrato Bartolomei e Spina e mi sono convinto ancora più perché ho visto persone convinte di allargare la base societaria. Naturalmente adesso stiamo lavorando per fondare l’associazione, doneremo la nostra somma iniziale raccolta e garantiremo persone che vivranno giorno per giorno la Samb. Sperando che l’associazione adesso cresca.
BARTOLOMEI Io non posso che ringraziare il tifoso. Queste iniziative, piccole o grandi che siano, danno un segnale che la gente ha capito che io e Sergio abbiamo fatto una scelta per passione, già ieri sera ho risposto relativamente ad un “consorzio” che si vuole fare tra i tifosi. Sono tutte iniziative che possono portare degli elementi innovativi in un consiglio di amministrazione della Samb. D’altronde sia io che Sergio a fine anno daremo i numeri di quel che è stato il nostro cammino in questa stagione: daremo un bilancio economico per far capire che la società è senza debiti né con i fornitori né con le banche. Tutto quello che viene fatto è grazie ai nostri soldi e quelli dei tifosi che vengono allo stadio e dei 130 mila euro di sponsorizzazioni. Io ho il 30% e Sergio il 70% della società.
NAZZARENO PEROTTI Quindi è importante che si raccolgano fondi per la Samb… Chi la fa la fa, l’obiettivo è quello di aiutare la Samb…
BARTOLOMEI Occorre anche capire che non sempre i soldi risolvono le situazioni. L’appoggio che noi cerchiamo alla città non è gratuito: noi cerchiamo anche un appoggio “politico” di condivisione dei progetti.
PEROTTI Ad esempio sul tema dei pannelli fotovoltaici allo stadio… Però prima dobbiamo parlare un poco dell’aspetto sportivo…
CIVARDI Quest’anno siamo uno squadrone…
BARTOLOMEI Dobbiamo restare con i piedi per terra, sappiamo com’è il calcio. Sono fiducioso perché sono innamorato di questa squadra, per i valori che trasmette, non solo tecnici ma umani. La stragrande maggioranza dei giocatori “amano” la Samb. Parlo ad esempio di Pulcini, che è un tifoso della Samb al 100%, come Zazzetta, ma anche chi non è di San Benedetto hanno preso a cuore il progetto, la maglia e i tifosi. Siamo orgogliosi di questa classifica che ci dice che siamo a 10 punti e non a 7 punti come diceva qualcuno a Fermo, cosa che ci dà tranquillità anche perché i valori dei giocatori sono altissimi.
PEROTTI Ti riferisci all’allenatore della Fermana, ma adesso Spadoni ha risposto con ironia…
CIVARDI Noi tifosi vediamo che il gruppo è forte, e questo è fondamentale. Dalla curva si vede che se un giocatore gioca male o è a corto di fiato, gli altri giocano per lui, e questo è lo spirito della Samb, quello che i tifosi vogliono vedere. Siamo tranquilli.
BARTOLOMEI Non ci sono prime donne. Faccio un esempio. All’esordio di Biancucci, un giovane promettente che ha giocato bene a Viareggio: tutti i giocatori prima della partita l’hanno abbracciato facendogli gli auguri. Questo è fondamentale e il suo esordio è stato ottimo con un grande gol.
PEROTTI Palladini ha l’umiltà giusta per questo gruppo. Però le domande dei tifosi sono quasi tutte rivolte all’aspetto societario. Riguardo l’anno prossimo, c’è un tifoso che chiede: confermate D’Angelo?
BARTOLOMEI Abbiamo con lui un accordo già verbale per l’anno prossimo. Lui fa parte del progetto-Samb. È chiaro che se ci fossero offerte da categorie superiori con giocatore e famiglia, non saremmo noi a dirgli di no, perché è giusto che tutti i ragazzi abbiano la possibilità di crescere. Ma parliamo anche di altri under: Nicolosi, Pietrucci, Valente, Biancucci, Natalini, oltre a questi ne stiamo valutando altri, come il centravanti che ha giocato a Viareggio, Guidi, un portiere come Poli che già in molti stanno valutando. Io e Sergio vogliamo valorizzare il più possibile i giovani del nostro territorio, cosa che non è stata fatta da vent’anni. Premesso che so fare meglio il tifoso che il dirigente, ma noi abbiamo bisogno di costruire i nostri ragazzi, farli crescere, che la curva dei tifosi li sappia riconoscere come patrimonio della squadra. Da padre di famiglia ad esempio dovrei dire che se un Novara che sta andando in B dovesse chiedere D’Angelo…
PEROTTI La Samb ha venduto sempre i giovani, ma di solito per rinforzare la squadra e non per arricchire qualcun altro…
BARTOLOMEI Proprio per questo vogliamo rendere pubblico il bilancio. Il nostro intento è quello di riuscire a creare delle basi per far sì che la Samb possa restare il più a lungo possibile tra i professionisti.
PEROTTI Circa un mese fa Benigni, presidente dell’Ascoli, ha detto che Ascoli e Samb debbano diventare una unica squadra. Voi che ne pensate?
BARTOLOMEI Ho vissuto il “derby dei fiori”, sappiamo come andò a finire! Ad ogni modo noi vediamo Ascoli non come il “diavolo” ma come un punto di arrivo. Dobbiamo imparare dall’Ascoli, attualmente fa poco più di 2 mila abbonati in B, noi in Eccellenza siamo 1700. Se Ascoli da anni vive in questa categoria con questi numeri, significa che si sono strutturati in maniera tale che riescono a mantenersi. Tanto di cappello, dobbiamo imparare. Il calcio però è passione. Trent’anni di passione rossoblu per me, come 30 anni di passione bianconera, sono tanti. Noi dobbiamo tornare a fare un derby dove sia i tifosi di Ascoli che quelli di San Benedetto potranno sventolare le proprie bandiere. Questo è il nostro obiettivo, non uno stadio comune. Penso che Benigni abbia fatto una provocazione verso i propri tifosi… Loro fanno 4-5000 presenze a partita, noi 2500 in Eccellenza. Noi siamo “marinai” e “rossoblu”…
PEROTTI Parliamo del progetto sullo stadio…
BARTOLOMEI Pensiamo e speriamo che tra due settimane possiamo presentare questo progetto proprio nella sala consiliare del Comune, proprio perché sarebbe capitale per la città. Nelle intenzioni faciliterebbe il Comune, perché gli toglierebbe degli impicci, in quanto ora il Riviera delle Palme è a deroga, quindi al massimo entro un anno lo stadio dovrà essere messo a norma con prefiltraggi e tornelli. Circa 1,2 milioni di euro. Senza questo la capienza resterà a 4.700 posti, quindi una cattedrale del deserto, che non ci permetterebbe di realizzare eventi che potrebbero essere fonti di finanziamento…
PEROTTI Qualche tifoso chiede: è possibile rifare amichevoli di lusso come Bayern, Milan?
BARTOLOMEI Con questo progetto si potrebbero avere 15 mila posti tutti a sedere, con società professionistiche amichevoli d’estate, o concerti allo stadio. Il Comune nell’ultima riunione fatta con il sindaco e i tecnici di questa azienda che vorrebbe realizzarla. Si tratta di una società metallurgica lombarda che vuole realizzarla. Copertura totale, 15 mila posti a sedere, fughe di sicurezza e tornelli. Dopo questo avremo una struttura che potrà accogliere diverse manifestazioni, e a quel punto si potrà pensare anche a palestre, centri di riabilitazione a supporto della squadra. Nella nostra intenzione è di realizzare un centro sportivo per formare i giovani. Così i tifosi che ci vorranno aiutare andranno a costituire una forza “politica” fondamentale per far crescere i ragazzi. L’azienda lombarda in cambio di questi interventi metterà pannelli fotovoltaici sopra la copertura, quindi l’azienda ritorna in possesso dell’investimento e il comune riceve una “royalty” che in parte sarebbe girato alla Samb, ma una parte verrà usufruita anche a tutti gli sport minori.
CIVARDI Mi sembra di non poco conto, per una volta una società che pensa alla cittadinanza.
BARTOLOMEI Basta fare due conti: se questo campionato di Eccellenza costa 1 milione di euro, questo potrebbe essere uno dei proventi, così come raddoppiare gli sponsor per l’anno prossimo da 130 mila euro. I tifosi, io c’ero a Parma, vogliamo tornare ai 7-8 mila di Brescello-Samb, ringraziando chi c’era. Vogliamo riprendere i 5 mila che mancano all’appello coi progetti e risultati. Quest’anno non abbiamo lesinato né sugli ingaggi né sugli extra, vitto alloggio. Proprio perché questa è una squadra di Eccellenza ma in realtà è pronta per la Serie D. Vogliamo essere primi in classifica anche l’anno prossimo, perché è una soddisfazione essere primi.
CIVARDI Questa è la base dei tifosi Pro Samb: trasparenza sempre e comunque.
BARTOLOMEI Il sindaco l’ho trovato molto propositivo rispetto al nostro progetto, chiaro che lui chiede una presentazione ufficiale e quei tasselli che i tecnici che erano con lui al Comune hanno già preso tramite l’ingegnere Cinciripini e i loro tecnici speriamo che entro due settimane possiamo presentarlo.
PEROTTI Siete aperti all’ingresso di altri soci?
BARTOLOMEI Io e Sergio stiamo bene, tra noi c’è stima e fiducia. Proprio tuo fratello Pino mi spinge ad allargare la società. Io penso che non serva allargarsi ma servono le idee e la passione, e per queste non c’è prezzo. Io parlo anche di Roberto Pignotti, Tassotti, Spadoni, che hanno delle idee che vogliamo portare avanti. Piccoli e grandi imprenditori, chi 500, chi 1000, chi 2000, potrebbero portare tanto così come i tifosi.
PEROTTI Un eventuale ampliamento societario potrebbe inquinare la “trasparenza”?
BARTOLOMEI Io sono un poco frenato perché io e Sergio lo sappiamo: noi lo facciamo per passione. Noi abbiamo bisogno di “persone” che vogliono investire in questo progetto e vogliono bene alla Samb. Mi rivolgo all’Assoalbergatori, che può essere uno strumento per portare turismo a San Benedetto, così con eventi da organizzare con la Samb che facciano arrivare gente che vada negli alberghi già prima dell’estate… Confindustria può essere interessata. Non serve l’imprenditore che caccia 1,5 milioni di euro e poi si mangia il territorio, non serve Zamparini che fa 7 centri commerciali a Palermo… Servono tanti piccoli apporti di gente seria. Io penso che fra 50 anni lascerò, ma spero che quel giorno io possa tornare a vedere la Samb allo stadio con il cuore sollevato. Noi siamo disposti a mettere rappresentanti dei tifosi dentro la società.
PEROTTI Sentendoti ci credo ancora di più. Un’altra domanda di un lettore: il campo Europa di chi è?
BARTOLOMEI Della Mariner e del Comune. Io ringrazio pubblicamente Vincenzo Sciocchetti perché ce lo fa usufruire gratis dando un apporto non indifferente alle nostre squadre, dai Giovanissimi alla Juniores alla prima squadra. Però non basta, servirebbe anche il Rodi così, in modo da avere un centro dove crescere i ragazzi della scuola calcio della Samb. E’ fondamentale che si formi uno staff educativo che faccia crescere i ragazzi nella maniera migliore. Fare sport è importante. Concludo: bisogna realizzare un centro sportivo.
PEROTTI Legge una domanda di Marco Cantarelli: Abbiamo la forza economica anche nel prossimo campionato?
BARTOLOMEI Secondo noi potrebbe costare di meno, il gruppo c’è, i giovani ci sono, avremo 4 under in campo quindi ne avremo almeno 10 nella rosa. Come quest’anno faremo un budget per l’anno prossimo, ci stiamo lavorando già oggi. Sergio vuole la D già a Pasqua, ma quando raggiungeremo il nostro obiettivo ci metteremo a sedere con Palladini che spero di confermare e con tutto lo staff tecnico. Mi sembra una struttura valida già per il prossimo anno, con 3-4 ragazzi giovani di sambenedettesi potremo farcela. Se ci strutturiamo così come abbiamo detto, la forza economica è relativa, gli introiti arrivano. Io dico che se noi creiamo queste strutture e programmazione, qui arrivano davvero imprenditori seri capaci di portarci fino in Serie A! Se creiamo un progetto, stadio a norma, facciamo crescere i ragazzi, centro sportivo, io so che questo progetto può piacere anche a imprenditori seri. Posso garantire che questo è il nostro obiettivo.
PEROTTI Una domanda appena arrivata. Si potrà organizzare una partita in onore di Borgonovo?
BARTOLOMEI Borgonovo “vuole” organizzare una partita qui a San Benedetto, una amichevole tra Samb e Milan, ma serve uno stadio a norma altrimenti non ce la farebbero fare… Sarebbe una partita a scopo benefico e noi saremmo onorati come sambenedettesi di farla per Borgonovo. I tempi non sono brevi, noi presentiamo il progetto a brevissimo, poi dipende dal Comune. La società che lo organizza riesce a realizzarlo in 4-5 mesi, noi vorremmo partire a fine aprile…

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.622 volte, 1 oggi)