ASCOLI PICENO – Il Piano energetico ambientale comunale (Peac), è stato integrato con un ordine del giorno di Antonio Canzian (Pd) che  prevede, dopo un’attenta valutazione della compatibilità ambientale, la realizzazione di impianti di cogenerazione per la produzione di energia elettrica e calore finalizzati al soddisfacimento delle esigenze energetiche di singoli stabilimenti o al servizio di più stabilimenti e la cui potenza dovrà essere commisurata alle esigenze produttive degli stessi.

Il Peac, redatto dagli esperti dell’Università di Ancona, mira a favorire una razionalizzazione dei costi energetici per le strutture e il territorio comunale, anche attraverso un maggior utilizzo delle energie alternative, oltre che a determinare il fabbisogno produttivo delle aziende presenti nella vallata del Tronto, sebbene tarandolo in base alle esigenze del 2006.

Il documento è stato adottato con 29 voti favorevoli e le uniche astensioni sono state quelle di Mauro Pesarini (Pd) e Marco Regnicoli (Alveare).

Il  consiglio comunale ha inoltre approvato un emendamento promosso dal sindaco Guido Castelli, che esclude dal testo qualsiasi riferimento all’ipotesi della realizzazione di una centrale di cogenerazione a Marino del Tronto, nella periferia del capoluogo piceno.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 478 volte, 1 oggi)