GROTTAMMARE – Nascerà il Centro Eccellenze Marchigiane (C.e.m.), idea proposto come riconversione dell’Arena Surgelati, ovvero da produzione esclusiva di pesce surgelato congelato a una struttura di esposizione e distribuzione di prodotti di eccellenza delle Marche e del Made in Italy, tentativo che era stato proposto per dare un’opportunità all’azienda in crisi e ai suoi lavoratori.

Via libera della Regione alla riconversione, quindi, come anche dall’amministratore delegato dell’azienda Giovanni Giancola, che a sua volta ha confermato gli impegni assunti dall’azienda, relativamente alla creazione di un polo commerciale dei prodotti “made in Marche”, dove reinserire i lavoratori attualmente in cassa integrazione.

Il progetto può così accedere all’iter della variante urbanistica necessaria a “riscrivere” la destinazione d’uso del sito produttivo, da industriale a commerciale.

La comunicazione è avvenuta nei giorni scorsi in municipio, dove erano stati convocati  i rappresentanti provinciali e regionali di Flai-Cgil, Stelio Bartolomei e El Hasani Mohamed, FaiI-CislL, Gabriele Monaldi e Silvano Giangiacomo, Uila-Uil Eugenio Zallocco e Delfino Coccia, e i delegati delle Rsu aziendali Guglielmo Marconi, Adele Romandini, Carlo Saporosi.

Il progetto deve ora superare una serie di passaggi tecnico-amministrativi, necessari a slegare l’area produttiva da tutti i vincoli legati all’attività originaria. Iter che inizierà con la presentazione allo Sportello Unico del Comune di Grottammare del progetto esecutivo dell’intervento da parte dell’Azienda.

Durante la riunione del tavolo istituzionale, alla presenza del presidente del consiglio comunale Ugo Lisciani e alcuni funzionari comunali, il sindaco Merli ha ribadito «l’impegno e la determinazione dell’amministrazione comunale a continuare il percorso iniziato, al fine di garantire la fruibilità della cassa integrazione per tutto il periodo necessario alla completa realizzazione del Piano di riconversione».

Al sindaco, infatti, era stata demandata la sottoscrizione di accordi con l’azienda, in relazione al procedimento di concessione degli ammortizzatori sociali che interessa 31 lavoratori e per i quali, dopo un primo rinnovo, si profila l’imminenza di una nuova scadenza.

Da parte sua, l’Arena, ribadendo la volontà di effettuare gli investimenti previsti, ha chiesto certezza in ordine al rilascio dei provvedimenti amministrativi e ai relativi tempi, anche attraverso esami preliminari da parte dei funzionari preposti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.689 volte, 1 oggi)