GROTTAMMARE – Tenutosi sabato 13 febbraio presso il Vecchio Municipio di San Benedetto del Tronto, ha visto la partecipazione degli operatori della pesca, delle associazioni e dei sindacati di categoria del territorio. Al Seminario, promosso dal Servizio Pesca della Regione Marche, dal titolo “Fondo Europeo pesca 2007-2013 – Asse 4 – Gruppi di Azione Costiera (G.a.c.) –  Criteri e modalità attuative”, erano presenti i dirigenti regionali Meconi e Gagliardini Anibaldi, l’assessore Settimio Capriotti del Comune di San Benedetto, l’assessore alle Attività Produttive Cesare Carboni del Comune di Grottammare e Giovanni Picciotti quale legale rappresentante della Cogepa di Pedaso.

Nel Seminario sono state affrontate le problematiche relative alla costituzione dei G.a.c. per i quali la Regione Marche (con la delibera di Giunta Regionale del 21.12.2009 n. 2171) ha stanziato 1 milione 961 mila 958 euro da utilizzare  per infrastrutture, servizi e prodotti, qualità della vita e diversificazione, gestione ambiente e territorio, cooperazione, costi gestione, acquisizione competenze e animazione G.a.c..

Lo stanziamento regionale sarà utilizzabile sui territori di nove Comuni della costa marchigiana: Fano, Mondolfo, Senigallia, Porto Recanati, Civitanova, Porto San Giorgio, Pedaso, Grottammare e San Benedetto del Tronto. Tenendo conto delle affinità territoriali e produttive, in detto ambito, dovranno essere costituiti due o tre G.a.c.che potranno presentare i progetti per finanziare le attività della piccola pesca secondo le misure sopra riportate.

«Occorre evidenziare – sottolinea l’assessore Carboni – che i G.a.c. saranno oggetto di forte interesse per le politiche comunitarie anche per le azioni successive al 2013.   I rappresentanti del territorio hanno unanimemente espresso soddisfazione per il programma regionale tanto più utile in un momento di forte crisi economica strutturale anche per i settori vicini alla pesca ed alla marineria.

È emersa, inoltre, la disponibilità da parte dei soggetti presenti per la eventuale costituzione di un G.a.c. territoriale che potrebbe coinvolgere i comuni di Porto San Giorgio, Pedaso, Grottammare e San Benedetto. A tal fine sarà necessario avviare in tempi brevi un ulteriore confronto tra i Comuni suddetti per definire la struttura mediante la quale procedere».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 778 volte, 1 oggi)