PORTO SAN GIORGIO – «Se si vuole vincere su un campo difficile come quello di Montegranaro, che è, al momento, una delle squadre più in forma del campionato, non bisogna fare errori. E noi oggi ne abbiamo fatti». Così esordisce l’allenatore della NGC Cantù, Andrea Trinchieri, a giochi fatti, nella sala stampa del Palasavelli. E aggiunge: «Siamo stati approssimativi  e l’abbiamo pagata cara: sul 70-69, la partita doveva essere nostra ed invece gli errori ci hanno punito. Complimenti a Montegranaro che ha fatto prevalere la legge del Palasavelli, con un tifo deciso, ma corretto».

Davvero congratulazioni a Montegranaro che, nonostante l’abbuffata di vittorie nelle precedenti settimane, è scesa in campo non sazia, sfoderando una intensa difesa e un grande gioco di squadra. «Siamo molto contenti per la vittoria» commenta l’allenatore sutorino Fabrizio Frates, «soprattutto perché penso che hanno giocato tutti benissimo. Oggi sul parquet si sono affrontate due squadre ben attrezzate. E questa era una gara molto difficile dal punto di vista emotivo. Ne è venuta fuori una partita tecnica molto solida, sostanziosa, piena di azioni ben realizzate. Abbiamo fatto circolare bene la palla, praticato una buona difesa, impedito a Cantù di prendere il ritmo di tiro. Ma abbiamo anche limitato Mazzarino, che, nonostante la nostra marcatura, ha fatto i suoi danni (15 punti)! Credo che oggi siano stati fondamentali i giusti accoppiamenti difensivi, che alla fine sono risultati molto equilibrati». Con 22 punti in classifica, al terzo posto insieme a Bologna e Avellino, qualcuno fa notare al coach che si potrebbe iniziare a pensare ai play off. Ma lui frena gli entusiasmi e gli entusiasti: «Non sono abituato a cambiare gli obiettivi di inizio anno in corsa. Ora stiamo camminando a grandi passi verso il nostro obiettivo primario. Mancano 4 punti per la salvezza: facciamoli il prima possibile! Poi, se ci saranno i punti per fare anche i play-off, faremo anche i playoff. Quel che c’è da prendere in più noi ce lo prendiamo volentieri. In questo momento, il nostro obiettivo a breve termine è quello di rimanere concentrati per le Final Eight e per la prossima partita di campionato contro Varese».

Con la gara disputata contro Cantù, la Sigma Coatrings Montegranaro e il suo allenatore hanno stabilito un record interno alla società: la striscia più lunga di vittorie consecutive per la Sutor in Serie A. Ben 5 sono i successi gialloblu, di cui tre casalinghi e due in trasferta. «Sono molto contento di far ricordare questa squadra negli annali della Sutor» afferma Frates. E, commentando la buona prestazione della serata, Dimitrios Tsaldaris spiega questa serie positiva di vittorie così: «Come giocatore non puoi mai essere soddisfatto, devi essere sempre affamato di vittoria. Devi mettere in campo concentrazione, rabbia, grinta per fare sempre meglio».

Nel prossimo futuro della Sigma Coatings c’è lo spettro della Montepaschi Siena alle Final Eight. Venerdì 19 Febbraio, alle ore 18, le due compagini si affronteranno ad Avellino. « Sappiamo che venerdì andiamo a giocare con la migliore squadra del campionato» ammette Tsaldaris. «Lo sappiamo bene. Non so se perderemo o vinceremo, ma so che giocheremo al nostro meglio. Noi ci proveremo». Da dove scaturisca questa mentalità concreta e propositiva, lo spiega Demian Filloy, altro giocatore fondamentale nella vittoria contro Cantù: «Noi non pensiamo alle nostre prestazioni individualmente, ma nell’ambito della squadra. Otteniamo questi risultati perché riusciamo a vivere in maniera positiva con la Società, i tifosi. Il nostro compito è di continuare a lavorare come abbiamo fatto e di affrontare il futuro un passo alla volta».

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 600 volte, 1 oggi)