CUPRA MARITTIMA – Il vernacolo è sempre un successo assicuratoi. Il “Gruppo dell’Arco Fermano” di Capodarco è tornato anche quest’anno a far divertire il pubblico di Cupra. Venerdì 12 febbraio infatti al cinema teatro Margherita, per la rassegna dell’Inverno Teatrale Cuprense, ha portato in scena “Tale patre, tale fiju”, una commedia in vernacolo fermano di Vincenzo Cenciarelli per la regia di Marco Andrenacci. Gli attori Alberto Perticarini, Maura Ricci, Alberta Fortuna, Andrea Grifi, Susy Codoni, Lailo Leoni, Catio Postacchini e Giovanni Bianchini hanno rappresentato la vita di una famiglia, e le differenze che passano, appunto, da padre in figlio. Le differenze però non sembrano essere così abissali: sia il padre che il figlio, anche se per diversi motivi, si sono battuti per i propri ideali. Alla fine, è sempre la saggezza dei più anziani ad insegnare ai più giovani che dietro ad ogni piccolo gesto può celarsi un grande significato.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 485 volte, 1 oggi)