TERAMO – Il pm del tribunale di Teramo, Davide Rosati, ha chiesto l’archiviazione dell’inchiesta relativa alla vendita di appartamenti “fantasma” a Sharm El Sheik. L’indagine era stata condotta dai carabinieri di Campli che avevano denunciato cinque persone, due delle quali residenti nel Teramano (le altre erano della provincia di Ravenna, Bergamo e Ancona), per associazione per delinquere finalizzata alla truffa. Secondo la ricostruzione dei militari i cinque avevano ingannato 34 persone vendendo alloggi inesistenti a Sharm e incassando caparre per 750mila euro.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 568 volte, 1 oggi)