CASTIGNANO – Ascoli Piceno, Castignano e Offida rappresentano i tre carnevali storici del Piceno, eventi molto attesi che continuano a crescere, di anno in anno, per numero di visitatori. Dopo “le macchiette” di Ascoli e “lu bov fint” di Offida, martedì 16 febbraio si terrà a Castignano la sfilata “de li Moccule” con cui tradizionalmente si chiude il carnevale.

Quest’anno, per la prima volta, è stata organizzata una linea speciale di autobus che partirà da San Benedetto per prendere parte all’evento. Chiunque potrà avere il suo moccolo: i volontari della Croce Rossa di Castignano, insieme alla locale Pro Loco, hanno realizzato centinaia di moccoli che possono essere acquistati devolvendo un’offerta minima. I visitatori si renderanno così protagonisti della emozionante atmosfera carnascialesca.

L’appuntamento è sempre lo stesso: alle ore 19, al suono della “Catubba”, i primi moccoli si ritrovano in piazza in piazza Umberto I, preceduti dalla compagnia delli moccoli, che con cassa, piatti e tamburi invita tutti ad uscire di casa per accodarsi alla sfilata.

La processione avviene a luci spente, senza illuminazione pubblica: si crea in questo modo un suggestivo effetto scenico di luci variopinte che illuminano il paese con una scia luminosa, un serpente iridescente che culmina in Piazza San Pietro per la tradizionale battaglia delli moccoli, cui segue il falò purificatore. Dalle ore 21 sarà aperto a tutti il “Veglione” di Carnevale, presso la sede del locale Teatro comunale, dove i festeggiamenti, a suon di musica, continueranno fino a notte fonda.

I Moccoli sono lampioncini multicolori costruiti con grande perizia da artigiani locali, su una canna ancora verde che termina a forma di rombi a più facce (possono essere con 4, 5 o 6 facce e di tutte le grandezze) rivestiti da carta velina di colori diversi. All’interno di questo ricettacolo, che da un lato resta aperto, viene inserita una candela che si accende prima di partire per la processione dei Moccoli. Alcune fonti storiche del XVIII secolo indicano che la sfilata delli Moccoli aveva luogo nella Roma papalina per mettere fine al Carnevale.

In seguito all’unità d’Italia questa usanza si è persa, ma non a Castignano, unico Comune in Italia ad aver tramandato questa tradizione ininterrottamente almeno sin dal 1861.

Partenza autobus da San Benedetto -Hotel Calabresi, ore 17,30. Rientro da Castignano previsto per le ore 20,30. Referenti per prenotazioni: Proloco Castignano, T. 328 2247700; Proloco San Benedetto, T. 0735 785326.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.288 volte, 1 oggi)