ANCONA – Sinistra Ecologia e Libertà non si lascia abbracciare da Gian Mario Spacca e converge, assieme a Rifondazione Comunista e Partito dei Comunisti Italiani, in una coalizione di sinistra che candida Massimo Rossi, ex sindaco di Grottammare ed ex presidente della Provincia di Ascoli, alla presidenza della Regione Marche. Sel nella giornata di ieri ha riunito il coordinamento regionale che «non può condividere quanto scritto da Spacca, che ha tradito il patto di governo già sottoscritto, e abbiamo deciso quindi di unirci in una formazione con le altre forze di sinistra» spiega il coordinatore regionale Edoardo Mentrasti. Entrambi i tre gruppi politici appoggiano la candidatura di Massimo Rossi, che a meno di improbabili colpi di scena verrà candidato ufficialmente, nel corso di una conferenza stampa, lunedì o martedì prossimo.
Per Rossi, che avevamo ascoltato due giorni addietro, si tratta della seconda sfida in un anno come candidato presidente: nel 2009 concluse una dibattuta avventura amministrativa provinciale in rotta con il Partito Democratico ed il suo vice Emidio Mandozzi, conquistando un ottimo 20% delle preferenze, un dato notevole vista la limitata coalizione di sinistra e civiche che lo sosteneva, ma non sufficiente per giungere al ballottaggio che poi vide emergere Celani del Pdl.

Stavolta la sfida è simile (tre sfidanti perché l’Udc non corre più sola), ma anche con tante differenze: prima di tutto il sistema elettorale non prevede il doppio turno, quindi conquista la maggioranza la coalizione che prende un voto più della seconda. Inoltre Rossi non può vantare nel nord delle Marche il consenso che può spendere tra Piceno e Fermano. Ad ogni modo la competizione elettorale così sembra divenire molto incerta, perché nel Pd anche regionale sembra si stia ripetendo quanto avvenuto a livello provinciale nel Piceno, con parte della base abbastanza perplessa delle scelte dei dirigenti (basta leggere i profili Facebook di Spacca ed Ucchielli per capire l’umore degli elettori del centrosinistra marchigiano).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.268 volte, 1 oggi)