ASCOLI PICENO – Il centrosinistra di Spacca gioca a scacchi, il centrodestra di Marinelli invece cerca di piazzare tutti i suoi uomini al posto (semmai sarà il momento) giusto. Non è certo cosa facile neanche per il Pdl definire la rosa dei sei candidati che si candideranno nel Piceno, anche se su alcuni nomi vi è oramai generale convergenza. Come spiega l’onorevole Carlo Ciccioli, verranno riconfermati i consiglieri regionali uscenti, l’ascolano Giulio Natali (ex An) e il grottammarese Vittorio Santori (ex Forza Italia). Assieme a loro due saranno le donne: sicura dovrebbe essere Tiziana Pallottini, ex sindaco di Carassai, e un’altra tra Elisabetta Palmaroli e Teresa Spampanato.
Gli altri due posti in lizza se li contendono in tre: il presidente del Consiglio Comunale di Ascoli Umberto Trenta e i due sambenedettesi Bruno Gabrielli (assessore provinciale al Turismo e consigliere comunale) e Luca Vignoli (consigliere comunale e revisore dei conti provinciale). Data la necessità di equilibri anche “geografici”, Trenta sembrerebbe avvantaggiato (anche se Ciccioli non si sbilancia) mentre il posto rimanente se lo dovrebbero contendere Gabrielli (sponsorizzato dall’ex azzurro Remigio Ceroni) e Vignoli. Sarà anche una valutazione di incarichi, anche perché Gabrielli in caso di elezione dovrebbe rinunciare ad essere assessore provinciale.
Ad ogni modo questa sera, mercoledì 10 febbraio, ci sarà un incontro tra tutti i parlamentari marchigiani del Pdl ma la parola pressoché definitiva dovrebbe essere data dalla riunione di segreteria in programma venerdì prossimo alle ore 15.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 951 volte, 1 oggi)