ASCOLI PICENO – Chi per fare un giro nei locali del centro ha parcheggiato la propria automobile a Piazza Roma o magari sopra uno dei tanti marciapiedi intorno alle 23 di sabato sera, magari confidando nel fatto che ormai a quell’ora i vigili stessero “a nanna”, si è ritrovato una spiacevole sorpresa al momento di riprendere la vettura: una bella multa, di trentotto euro per il divieto di sosta, di ben settantaquattro euro per il parcheggio sopra ai marciapiedi.

Apparentemente non ci sarebbe nulla da obiettare: a Piazza Roma (come sui marciapiedi) il divieto di sosta è di 24 ore su 24. Poco importa se fino a poco tempo fa dopo le ore 20 per gli automobilisti vigeva una sorta di anarchia; le regole prima o poi vanno applicate. Inoltre è giusto combattere la sosta selvaggia, usanza sgradevole e poco civile per una città che vuole definirsi turistica.

Il problema però è che i parcheggi non ci sono, come hanno lamentato diverse persone, o sono lontani. Sono stati annunciati nuovi posti auto; in attesa che venissero realizati, allora, con le multe si poteva aspettare ancora un po.

Nel frattempo, è stata aumentato il termine dell’orario di pagamento di alcune zone, dalle 19,30 alle 21,30. Ma anche i parcheggi a pagamento sono pochi, soprattutto il sabato quando l’affluenza è maggiore. Insomma, tra multe e parcheggi, gli ascolani stanno pagando una sorta di tassa sulle uscite del dopocena, utile probabimente a rimpignuare le casse del Comune e limare il debito con la Saba.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 637 volte, 1 oggi)