ASCOLI PICENO – Attacchi e polemiche arrivano da tutte le parti nei confronti dell’assessore regionale Sandro Donati, che ha trovato nell’Italia dei Valori un partito disposto a sostenere una sua ricandidatura in vista delle elezioni regionali in programma a primavera. La sezione picena continua ad evidenziare la propria insofferenza per questa scelta, entrando in contrasto con i vertici regionali che hanno invece avallato la candidatura. Primo su tutti il coordinatore David Favia. Proprio su questo tema nella giornata di ieri, mercoledì 3 febbraio, abbiamo contattato telefonicamente l’onorevole Antonio Di Pietro, in quel momento a Roma, il quale però non ha voluto rispondere in merito al “caso” Donati, limitandosi a glissare e a demandare le scelte locali proprio a David Favia: «C’è un coordinamento regionale all’uopo e per domande che riguardano le Marche vi prego di rivolgervi a Favia».

«Non è nulla rientrato nel Piceno – ribadisce il coordinatore provinciale Andrea Cardilli riferendosi ad alcune affermazioni dell’onorevole Favia – Le affermazioni di Favia, che ormai pensa di essere “padre padrone dell’Idv nelle Marche”, mi lasciano di stucco; come si può continuare a dare un’immagine negativa dell’Italia dei Valori dove appunto il primo che entra “solo perché ha i voti” (e comunque dovrà dimostrarlo) deve essere premiato?» (Di Pietro però ci ha ribadito l’avallo a questi timori di Cardilli, ndr).
«Quando poi l’immagine del partito viene rovinata – continua Cardilli – scegliendo personaggi che hanno bussato a tutte le chiese pur di mantenere un posto di potere non diamo sicuramente una buona immagine di noi dell’Italia dei Valori che per anni abbiamo lavorato insieme ad Antonio di Pietro tenacemente per far crescere questo partito», continua Cardilli.
Il riferimento a Donati è evidente. Ma nei confronti dell’assessore con delega alle Politiche per il Piceno arrivano saettate anche da quello che ormai è il suo ex partito, il Pd.
«La squallida vicenda del riciclaggio di Sandro Donati – affermano i rappresentanti provinciali del Partito Democratico – conferma il profilo etico e politico del personaggio che, non potendo più candidarsi nel Partito Democratico, si è reso disponibile al miglior offerente, di destra, di centro o di sinistra poco importa, pur di cercare di continuare a fare il consigliere regionale. Una brutta operazione di opportunismo politico alla quale si è prestata l’Italia dei Valori regionale che ha imposto tale candidatura agli iscritti e dirigenti locali i quali, conoscendo il soggetto, hanno giustamente sollevato un unanime coro di dissenso e proteste» (ci chiediamo dove fosse il Pd piceno quando Donati disertava sistematicamente il Consiglio comunale acquavivano e solo Rivieraoggi.it denunciava questo aspetto, nel silenzio assoluto dei politici di qualsiasi schieramento, ndr).
«Per dare una parvenza di dignità all’operazione di mercato, Sandro Donati ha preso la scusa che “il Pd Piceno è in mano a coloro che hanno fatto perdere il Comune e la Provincia di Ascoli Piceno”», si legge nella nota.
Il Partito Democratico ricorda come tutte le decisioni prese abbiano avuto l’approvazione di Sandro Donati. «Tra l’altro, – continuano dal Pd – è bene che si sappia, nel Partito Democratico è in corso un procedimento disciplinare nei confronti di Sandro Donati perché al ballottaggio ha deliberatamente ed esplicitamente fatto campagna elettorale e chiesto di votare per Piero Celani!»

Neppure il Partito Democratico risparmia l’onorevole Favia il quale «ha dichiarato – sostengono ancora dal Pd – che Sandro Donati sarà sicuramente eletto nel Piceno e così farà l’assessore regionale».

«Innanzitutto – continuano – un po’ di umiltà e rispetto degli elettori non guasterebbe: aspettiamo l’esito del voto, poi si vedrà chi avrà vinto le elezioni e chi saranno gli eletti. Questo minimo di saggezza e di buona educazione farebbe altresì ricordare che gli assessori verranno scelti dal Presidente della coalizione che vincerà e non certo dall’Onorevole Favia».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.732 volte, 1 oggi)