ASCOLI PICENO – Si è conclusa nella tarda mattinata di mercoledì 3 febbraio la terza giornata di riproposizione dello spettacolo “Bulli, vittime e astanti”che si è tenuta presso l’Istituto Tecnico Industriale di Ascoli. Questo spettacolo che rientra nel progetto “La Responsabilità, le emozioni, i miei diritti”, promosso dall’Ufficio Scolastico Provinciale di Ascoli Piceno con il prezioso contributo della Fondazione Cassa di Risparmio, verrà riproposto anche nei giorni 4 e 5 febbraio presso l’Ipsia di San Benedetto del Tronto.

«La scuola rappresenta il luogo in cui il bullismo e la violenza giovanile si manifestano in misura più eclatante – sostiene Simona Flammini, referente del progetto – per questo bisogna prevenire e contrastare il fenomeno di violenza imponendo la cooperazione di tutti i soggetti istituzionali».

L’obiettivo dello spettacolo
, aggiunge Simona Flammini, è attivare strategie e strumenti per affrontare il problema del bullismo attraverso lo studio della natura complessa e multidimensionale del fenomeno.
«Lo strumento utilizzato per questo spettacolo – conclude la coordinatrice del progetto – è il Teatro dell’Oppresso che prevede la presentazione di una scena problematica in cui cinque “spett-attori” che si sostituiscono al protagonista cercando di risolvere il problema attraverso strade migliori».
In quest’ottica lo spettacolo propone diverse situazioni legate tra di loro, in cui può emergere il fenomeno del bullismo come per esempio in uno spogliatoio maschile, in una classe con l’emarginazione di una ragazza timida, in una famiglia con il silenzio della vittima oppure in una scuola con lo scontro tra la madre della vittima e l’insegnante inconsapevole ed infine in un consiglio di classe dove possono emergere le divergenze su come affrontare il problema.
Per questo è stato anche istituito un forum dove i ragazzi possono confrontarsi su temi sociali condividendo inoltre la molteplicità di idee utili per affrontare al meglio situazioni difficili e complesse come il bullismo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.997 volte, 1 oggi)