SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Il bilancio turistico della Regione? Drogato dall’effetto terremoto». Parola di Bruno Gabrielli che, a ventiquattr’ore dalla pubblicazione dei dati ufficiali dell’Osservatorio regionale sul Turismo, torna a sconfessare gli ottimisti riproponendo le proprie valutazioni in merito.

«I numeri esposti non mi smentiscono», esordisce l’assessore al Turismo della Provincia. «Non ho creato allarme e la carenza denunciata è stata confermata».

Gabrielli fa riferimento ai suoi risultati degli arrivi e delle presenze nelle strutture alberghiere di giugno, luglio e agosto 2009, che risulterebbero assai vicini alle conclusioni poste oggi dalla Regione.

«Avevo dichiarato – continua – che la flessione aveva toccato la doppia cifra nei mesi estivi e così è stato».

Da “cassandra” a buon profeta dunque? Né l’uno, né l’altro. Fatto sta però che l’esponente del Popolo della Libertà non accetta alcun tipo di lezione da parte di Gaspari e Mozzoni.«La loro analisi prende in esame il periodo che va da gennaio a settembre. Ben nove mesi che includono anche la tragedia de L’Aquila, dove gli hotel sono andati riempiti dagli sfollati vittime del sisma. I dati sono quindi inadeguati e risentono fortemente di eventi esterni». Poi chiarisce: «Il nostro conteggio faceva esclusivamente riferimento agli alberghi e al periodo estivo».

L’occhio di Gabrielli si sposta infine sulla “Beach Arena”, un appuntamento a suo avviso tanto costoso quanto poco soddisfacente: «L’evento costa complessivamente 200 mila euro ed il Comune ne versa circa 60 mila. Bisognerebbe chiedersi se vale davvero la pena continuare su questa strada, visti gli scarsi risultati attrattivi ottenuti».

FIERA DI MONACO Intanto, dal 18 al 22 febbraio prossimi l’assessore al Turismo parteciperà alla Fiera di Monaco, che ospiterà uno stand di 32 metri quadri tutto dedicato alla provincia picena.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 782 volte, 1 oggi)