SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dati confortanti, entusiasmo per l’estate 2010. Forse quella di martedì è una delle giornate più soddisfacenti per Giovanni Gaspari negli ultimi mesi. I dati ufficiali della Regione sull’andamento della stagione turistica mostrano segnali di incremento rispetto al 2008. Vengono smentite le previsioni negative fatte a settembre dall’assessore provinciale al Turismo Bruno Gabrielli. E il sindaco non si nega una rivincita: «Si fa subito a inveire e a criticare e francamente non capirò mai perché c’è gente che gode sbandierando dati negativi, ma i dati veri confermano che il Piceno e San Benedetto sono ancora una terra attrattiva. Abbiamo dovuto attendere tanto per l’ufficializzazione, ma ora riportiamo in primo piano la verità».

Non esiste una ricetta magica, dice il sindaco, ma un combinato di azioni promozionali fra i Comuni, il Consorzio Turistico e le associazioni di categoria. Loda il presidente di Assoalbergatori Gabriele Di Emidio («gli riconosco dinamismo e inventiva»), loda Alessandro Zocchi di ritorno da un viaggio promozionale in Finlandia. E spera in un 2010 ancora migliore.

«Non bisogna sbagliare e cadere nel provincialismo e nell’autoreferenzialità. Bisogna coinvolgere il territorio vicino, ad esempio perché le bancarelle ambulanti non devono vendere le ceramiche di Castelli?», afferma Gaspari ribadendo un concetto, quello della merceologia in vendita nelle bancarelle, che ultimamente gli sta molto a cuore.

E poi c’è il Consorzio Turistico da “dimagrire”, sostiene il sindaco. Occorre tagliare i costi del personale alle dipendenze della società consortile, dice, per avere nuovi fondi da impiegare nelle iniziative di accoglienza e promozione nelle fiere di settore.

IL 2010 L’assessore al Turismo Domenico Mozzoni auspica che il 2010 vada ancora meglio. Un bottino di presenze verrà sicuramente da due eventi sportivi programmati da tempo, i mondiali juniores di ciclismo a Offida e gli europei di pattinaggio a San Benedetto, entrambi nella prima settimana di agosto. E poi c’è una novità: dall’undici al 16 luglio la città delle palme ospiterà un festival della cultura giapponese nell’area ex galoppatoio. Giardini tipici, sfilate folcloristiche, artigianato nipponico in mostra. Dal Sol Levante arriverà un centinaio di persone per lo staff della festa, in più i giapponesi in Europa coglieranno l’occasione per respirare aria di patria qui in Riviera. «Abbiamo ricevuto una richiesta per 150 giapponesi che intendono raggiungerci dall’Inghilterra».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 730 volte, 1 oggi)