GROTTAMMARE – Torna il teatro amatoriale al Kursaal con la rassegna “Commedie nostre”, alla sua quinta edizione, con cinque incontri geuini dedicati alle tradizioni popolari.

Primo appuntamento, sabato 30 gennaio al Kursaal dalle 21,30, sarà con “Comica…mente Eduardo”, uno spettacolo divertente su testi del grande Edoardo De Filippo, interpretato dal gruppo cuprense “Liberi Teatranti”, una commedia in due atti unici, dal titolo “Pericolosamente e Amicizia”, di Eduardo De Filippo, con Federica Cestarelli, Marco Trionfante e Severino Trionfante, che firma anche la regia.

«Confermiamo un progetto che nel tempo ha dimostrato di saper catturare anche l’attenzione dei più distratti – afferma l’assessore alla Cultura, Enrico Piergallini – attraendo ogni anno sempre più pubblico. Commedie Nostre rappresenta lo stadio più aperto del progetto “Teatri di Grottammare”, perché è lo scenario dal quale poi poter iniziare l’avventura nel teatro di prosa, di ricerca e musicale».

Non dimenticare la tradizione è il cardine della rassegna, promossa dall’assessorato alla Cultura e organizzata dall’associazione Lido degli Aranci. Per quest’anno gli appuntamenti saranno cinque,  quattro nuove compagnie si alterneranno al Kursaal, mentre il finale al Teatro delle Energie,  affidato alla compagnia locale “Lle grotte in scena”.

Ecco il calendario completo:  sabato 6 febbraio con Li Freciuti di Ascoli Piceno in “Mo’ v’ leggh’ li’ carte…”; sabato 20 febbraio con Amici del teatro fermano  di Fermo in “Amami Arfreddo”; sabato 27 febbraio con La Nuova di Belmonte Piceno in “Li sordi fa ji l’acqua per ne-nzu”; sabato 24 aprile, gran finale al Teatro delle Energie con

Llegrotte in scena di Grottammare in “Amò che ve so ditte quasce tutte”.

I primi 4 spettacoli si terranno nella Sala Kursaal. Biglietto 5 euro (2 euro per bambini fino a 10 anni=. L’ultimo spettacolo si terrà nel Teatro delle Energie, con ingresso gratuito. Inizio ore 21,30.

Info: 0735.739230 / 335.6234568.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 709 volte, 1 oggi)