SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Anche il Comune di San Benedetto vuole aiutare i bambini di Haiti. È infatti in programma nal pomeriggio di giovedì 21 gennaio l’incontro tra il sindaco Giovanni Gaspari, l’assessore alle politiche sociali Loredana Emili con le associazioni che si occupano di tutela dell’infanzia e di affidi e adozioni internazionali. Lo scopo è quello di individuare quali siano le azioni più efficaci da intraprendere, anche a medio termine, per dare un futuro ai tanti bimbi di Haiti rimasti senza famiglia dopo il terremoto.

Tra coloro che parteciperanno al vertice vi sono i referenti locali di Save The Children, Caritas e Unicef, tre organismi che hanno proprie strutture operative in Haiti e che quindi dispongono di un osservatorio privilegiato per capire quale sia la reale situazione in quel Paese.

Spiega il sindaco Giovanni Gaspari: «Stiamo pensando di mettere in piedi forme di aiuto diverse da quelle sperimentate, ad esempio, in occasione del terremoto de L’Aquila. Non potremo ovviamente organizzarci per inviare generi di prima necessità né personale specializzato ma sicuramente potremo fare qualcosa per sostenere quei bambini che hanno perso tutto nella sciagura. Si tratta di un’operazione che dovrà svilupparsi nel tempo. L’importante è capire come muoverci senza sovrapporci ad altre iniziative ma imboccando da subito la via più corretta per giungere agli obiettivi».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 609 volte, 1 oggi)