SAN BENEDETTO DEL TRONTO – All’ingresso della biblioteca comunale di San Benedetto sono state rimosse le barriere architettoniche. Una porta automatica scorrevole è stata infatti installata martedì 19 gennaio, come già fatto per l’adiacente ingresso agli uffici comunali, in viale De Gasperi 120, e agli uffici “politici” e di relazioni con i cittadini.

La ditta Ponzi di Ravenna ha effettuato i lavori per un importo “tutto compreso” di circa 5 mila euro, a dimostrazione di quanti pochi soldi siano necessari per dei veri e propri investimenti in qualità della vita. Come già per gli altri due ingressi, anche in questo caso si tratta di una porta di sicurezza “a sfondamento totale” per la sicurezza antincendio. In altri termini, in caso di incendio la porta può essere spinta e, così facendo, ruota l’intero telaio, dando la possibilità di passaggio per tutta la sua larghezza.

E sempre a proposito di abbattimento di barriere architettoniche, in questi giorni si stanno concludendo i lavori lungo i marciapiedi del quartiere San Filippo Neri, un intervento costato complessivamente 100 mila euro, di cui 60 mila erogati dalla Fondazione Carisap.

«È chiaro – commenta l’assessore ai Lavori Pubblici Leo Sestri – che un impegno come quello sulle barriere architettoniche richiede molto tempo e forse non finisce mai. Ma possiamo almeno dire di lavorare costantemente, a partire dai luoghi più frequentati, sia in centro che in periferia, arrivando a poco a poco a risolvere i problemi che i cittadini stessi ci hanno segnalato, anche durante le assemblee per il Bilancio partecipato».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 442 volte, 1 oggi)