MARTINSICURO – Uccide la moglie sgozzandola con un coltello da cucina e poi chiama i Carabinieri per denunciare l’accaduto. Stanotte alle 4 in un appartamento di Villa Rosa, nei pressi dell’ufficio postale, Rudina Koni, albanese di 33 anni è stata uccisa dal marito Skhelqim Kori, 45 anni che l’ha colpita più volte al collo e alla testa con un coltello. La tragedia si è consumata a seguito di una lite tra i due coniugi, la cui causa è ancora in fase di accertamento da parte dei Carabinieri di Martinsicuro, ma che potrebbe inserirsi in vicende di natura passionale.

L’albanese dopo l’efferato delitto ha chiamato i Carabinieri per autodenunciarsi. Sul posto sono intervenuti anche i soccorsi, ma per la donna ormai non c’era più nulla da fare. Al momento della tragedia in casa erano presenti anche i due figli della coppia, di 9 e 7 anni.

I due coniugi sono stati descritti dai vicini come una coppia tranquilla e ben integrata, tanto che entrambi avevano fatto richiesta per ottenere la cittadinanza italiana.

In queste ore l’omicida è sottoposto ad interrogatorio dal sostituto procuratore Serena Bizzarri, presso la caserma di Martinsicuro.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.880 volte, 1 oggi)