SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Le prime sanzioni effettuate dalla Polizia Municipale per il rispetto dell’ordinanza di Divieto di Sosta nelle strade dove si effettua la pulizia delle strade, devono essere annullate. Da lunedì 11 gennaio infatti è ripreso il servizio di cui molti cittadini lamentavano la sospensione e all’inizio dell’attività sono già state elevate le prime sanzioni, sbagliate.

Alcuni cittadini infatti, dopo essere stati multati hanno notato la non esatta rispondenza tra quanto indicato nell’ordinanza, e quanto indicato sulla segnaletica stradale verticale. L’ordinanza fa infatti riferimento al primo e secondo martedì del mese, mentre in alcune vie i cartelli riportano erroneamente il terzo ed il quarto martedì del mese.

Poiché in una via si è registrata questa difformità, la Polizia Municipale disporrà in regime di autotutela l’archiviazione di ufficio delle contravvenzioni elevate in tali circostanze.

A segnalare l’errore in questione è stato il Comitato di Quartiere Sant’Antonio, che si è subito attivato per segnalare l’errore al fine di tutelare gli sfortunati automobilisti da una iniqua pena. Così nei prossimi giorni il Comune provvederà a sistemare la segnaletica non conforme e le contravvenzioni potranno essere annullate in autotutela per difformità tra quanto indicato nella segnaletica stradale e quanto previsto dalla relativa ordinanza.

Il programma di pulizia delle strade avviato dal Comune e da Picenambiente, con il supporto della Polizia Municipale, proseguirà dunque regolarmente secondo il calendario stabilito. Si rinnova quindi l’invito a tutti gli automobilisti a prestare attenzione a quanto indicato nella segnaletica stradale che indica giorni e orari in cui è vietato sostare. I dettagli sono consultabili sul sito internet del comune www.comunesbt.it alla voce “Polizia Municipale”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.327 volte, 1 oggi)