SAN BENEDETTO DEL TRONTO- Continua il mistero su cosa sia veramente accaduto a Vincenzo M., il 49enne pugliese in città da pochi giorni, ritrovato quasi in fin di vita domenica sera nei pressi di un rustico situato in via Toscana, davanti alla clinica Villa Anna, mentre si stava recando da amici che lo ospitavano.

L’uomo è stato operato e si trova attualmente ricoverato alle Torrette di Ancona e viene tenuto in coma farmacologico. Secondo ultime indiscrezioni le indagini condotte dai Carabinieri, in mancanza di ulteriori riscontri, sarebbero propense ad escludere l’ipotesi di una aggressione a favore di un incidente, causato da un improvviso malore o da una caduta accidentale all’indietro, che avrebbe fatto sbattere la testa all’uomo sugli scalini della casa in modo tale da procurarsi una profonda ferita.

Questo dopo che gli investigatori dell’Arma hanno raccolto le varie testimonianze degli amici del pugliese. Il luogo dell’incidente si trova in una parte centrale della città ma che in quel punto di sera è praticamente deserta. Un esame più approfondito della ferita avrebbe evidenziato, secondo i sanitari, il tipico trauma di una caduta rovinosa.

A questo punto agli investigatori non resta che augurarsi che le condizioni dello sfortunato Vincenzo M. migliorino per avere da lui stesso la versione di come sono andate veramente le cose.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 987 volte, 1 oggi)