SAN BENEDETTO DEL TRONTO – È arrivata finalmente la sentenza, emessa dal giudice del Tribunale di Ascoli Rita De Angelis, riguardo al fallimento della Sambenedettese Calcio del maggio 1995 causato dalla gestione Venturato.
Antonio Venturato è stato condannato a 3 anni di reclusione per il reato di bancarotta, con interdizione di 5 anni dai pubblici uffici (la richiesta del Pm Ettore Picardi era stata di 4 anni e 6 mesi). Il padre Valentino Venturato, invece, è stato condannato a 2 anni e 6 mesi di reclusione (la richiesta era di 3 anni e 9 mesi). Condannato anche l’ex ds Andrea Iaconi, ma con la concessione dei benefici di legge.
È stato assolto Umberto Travaglini, responsabile della “Gestisport”, che fece da tramite tra la vecchia gestione Zoboletti e quella degli imprenditori trevigiani. Per Travaglini, difeso dall’avvocato Carlo Manfredi, era stata chiesta la prescrizione del reato, ma è arrivata l’assoluzione «perché il fatto non sussiste».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 3.036 volte, 1 oggi)