SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Capodanno “autarchico”? Perchè no. Se si risparmia per le casse pubbliche e piacerà alla gente, in tempo di crisi non guasta. Dando anche spazio ad artisti locali, i conti tornano.

La sera del 31 dicembre, in piazza Giorgini a partire dalle 21, ci sarà l’ormai tradizionale appuntamento di musica all’aperto. Si esibiranno gruppi marchigiani come gli Absolute Beginners, gli Ummagumma (cover band dei Pink Floyd) e dopo la mezzanotte la cover band di Vasco Rossi “Vizi e virtù”. A cavallo dell’ora fatidica, intrattenimento con i cabarettisti del circuito Zelig “Piero e Christian” e lo staff di Radio Azzurra.

Poi intorno alle tre del mattino ci si trasferisce tutti al PalaNatale, il tendone allestito in zona porto in piazza Mar del Plata. Accompagnati dal suono itinerante della “Piceno Marching Brass Band”, gli amanti del divertimento e della musica elettronica potranno ballare al caldo con la musica della radio nazionale “m2o” (ingresso euro 15).

La serata, curata per il Comune dall’agenzia Piceno Eventi di Pier Mario Maravalli che segue diversi eventi del PalaNatale, dunque sarà il fiore all’occhiello della struttura che rimarrà aperta dal 23 dicembre fino al 10 gennaio. Concerti per vari palati musicali, spettacoli pomeridiani per bambini, tombole, un pranzo con i meno fortunati il 26 dicembre, insomma una struttura a prezzi accessibili e spesso gratuita per tutti. Si pagherà il biglietto solo per lo School Party del 23 dicembre, per l’Elettronto Festival del 27 dicembre, per Capodanno, per i Disco Circus del 26 dicembre, del 2 gennaio e del 9 gennaio.

L’assessore alla Cultura Margherita Sorge espone i dati sui costi sostenuti dal Comune per l’intero programma del PalaNatale: 38mila euro, 15mila dei quali per la serata di Capodanno.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.392 volte, 1 oggi)