ALBA ADRIATICA – E’ stata una rapina da manuale quella messa in atto nella filiale Tercas di Villa Fiore ad Alba Adriatica, che ha coinvolto anche i tre impiegati della sede, sequestrati per circa un’ora mentre i rapinatori svaligiavano la cassaforte.

Il colpo è stato messo a segno intorno alle 14 di lunedì 21 dicembre, con la chiusura della filiale per la pausa pranzo. Gli impiegati si accingevano ad uscire dalla sede quando all’ingresso hanno trovato i rapinatori, che si erano calati sul volto delle maschere di carnevale per rendersi irriconoscibili. Con la pistola puntata, li hanno costretti a rientrare e li hanno immobilizzati legandoli con delle corde.

Con una precisione certosina i malviventi sono riusciti a prelevare il denaro coordinando le azioni in base al temporizzatore della cassaforte, la cui programmazione stabilisce l’apertura e la chiusura della porta e quindi l’acceso al contante.

Ancora  da stabilire con esattezza la somma che sono riusciti ad arraffare, ma si parla di un ammanco di almeno diecimila euro. I rapinatori, che dalle prime testimonianze sembra fossero italiani, sono poi fuggiti a piedi. Gli impiegati sono stai poi liberati grazie ad un cliente che dall’esterno, attraverso la porta a vetri, li ha visti a terra ancora legati e ha così dato l’allarme.

Sulla vicenda indagano i Carabinieri del Nucleo operativo di Alba Adriatica.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 697 volte, 1 oggi)