SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Banca Picena Truentina nonostante il periodo di crisi anche per il 2009 l’istituto di credito ha deciso di destinare trentamila euro a favore della Zona Territoriale 12 dell’azienda sanitaria regionale.

Fondamentale per raggiungere tale cifra è stata la rinuncia dei dipendenti della banca dei soliti gadget natalizi. Hanno preferito che la somma fosse investita per la donazione. «Da qualche anno abbiamo deciso di contribuire con una cifra robusta in un particolare settore, evitando così le solite donazioni a pioggia, poco funzionali. Dei trentamila euro, diecimila provengono dai soldi destinati ai gadget del personale» spiega il presidente della BBC, Gino Gasparetti. Non è ancora stata scelta la destinazione della cifra, perché la Banca a causa della crisi ha deciso di destinarla solo all’ultimo momento. «Le priorità per il rilancio della struttura sanitaria, saranno definite nell’immediato e con i direttori di dipartimento si deciderà come utilizzare la somma» annuncia Massimo Esposito, commissario straordinario dell’Asur 12.

C’è da ricordare che grazie allo stesso contributo, negli anni l’ospedale è riuscito ad acquistare un cicloergometro e un registratore holter per l’ambulatorio cardiologico, nel 2006; due defibrillatori amagnetici per la risonanza magnetica nucleare e un’ambulanza per la croce rossa, nel 2007; un’elettroencefalografo portatile per Neurologia e sedici culle neonatali e un mobile per l’infermeria per Pediatria, nel 2008.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.127 volte, 1 oggi)