da Riviera Oggi in edicola

Under 18 Girone Elite
Rugby Samb – Rugby Firenze 10 a 34 (2 mete a 6)

Partita bellissima della Samb nel primo tempo. Nonostante la formazione rimaneggiata per infortuni, i rossoblu hanno sfoderato una ottima prestazione contro una squadra molto forte fisicamente, che soffriva terribilmente le veloci incursioni delle trequarti. Alla fine del primo tempo i rossoblu chiudevano in vantaggio di 10 a 5. Scrive Giovanni Menzietti sul blog rossoblu: «Nel secondo, dopo i comprensibili strilli dell’allenatore del Firenze, la partita prendeva una piega diversa, perchè il gioco incominciava ad essere duro e scorretto, grazie ad un arbitraggio insufficiente e assolutamente incapace di gestire le fasi calde dell’incontro. Complice la stanchezza e la conseguente mancanza di lucidità, le giocate dei rossoblu non riuscivano più ad essere veloci e non venivano accompagnate dai movimenti della  squadra, che anzi veniva spesso superata dalla maggiore forza fisica dell’avversario. Partita quindi bellissima nel primo tempo, e assolutamente insufficiente nel secondo, la Samb ha pagato caro il campo pesante e parzialmente allagato.
Il Dirigente Ciccarelli parla di «grande avventura del torneo Elite che prosegue, accanto ad avversari blasonati».
«Buona prestazione, affrontata con lo spirito giusto, in maniera aggressiva, e condotta in vantaggio per tutto il primo tempo. Non dobbiamo guardare al punteggio quanto alla capacità, che abbiamo dimostrato, di riuscire a tenere testa ad avversari più blasonati ed attrezzati».
Prossima partita domenica 20 Dicembre a Prato contro i Cavalieri.

Under 16
Rugby Samb – Centralmotor Rugby Terni 35 a 5 (7 mete a 1)

Giocavano le squadre più forti del campionato, due squadre che finora avevano sempre vinto e convinto con prestazioni convincenti.
 Ci si giocava la testa della classifica e la possibilità di vincere il campionato ed accedere alla 2a Fase Interregionale.
Questa era anche l’ultima partita ufficiale dell’anno e anche del girone di andata, per cui chi vinceva questa partita sarebbe stato matematicamente campione d’inverno. Un autentico spettacolo dentro e fuori dal campo. Onore delle armi al Terni che si è dimostrata una squadra molto forte, fisicamente e tecnicamente, dimostrandosi degno e corretto avversario. Alla fine un bellissimo terzo tempo, che con l’aiuto delle mamme dei ragazzi terribili è diventato sontuoso con un’infinità di dolci che hanno premiato i rossoblu e addolcito lo spirito e la sconfitta dei draghetti. Coach Simonetti commenta così: «I numeri che leggevamo dalle classifiche raccontavano di Terni come di una squadra possente, equilibrata, forse equivalente alla nostra. In parte il riscontro del campo ha confermato queste qualità, anzi, sotto l’aspetto fisico, si è dimostrata anche più forte di quello che temevamo. Ma, con un superiore bagaglio tecnico,  qualche individualità di spicco e soprattutto con un grande spirito di squadra, abbiamo risolto anche questo assillo. Ritmo ed occupazione del campo esemplari; sostegno ai compagni continuo e sistematico; pressione sugli avversari quando avevano il pallone. Queste in sintesi le armi utilizzate per neutralizzare i grifoni ternani. Il cuore ha fatto il resto. Prossima partita di campionato domenica 24 gennaio alle ore 11,00 in casa contro Jesi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 767 volte, 1 oggi)