dal settimanale Riviera Oggi numero 804 in edicola

GOOD NEWS
Una pista ciclabile più umana e sicura

Viale dello Sport, da qualche settimana il Comune ha reso più accettabile la “strozzatura” della pista ciclabile che arriva fino alla Caserma dei Carabinieri, estendendo il nastro verde anche sulla discesa che poi accompagna il ciclista verso via Virgilio.
Bravo all’assessore Leo Sestri, che ha risposto efficacemente alle sollecitazioni giunte da Riviera Oggi nei mesi scorsi. Ora quella pista ciclabile è completa ed evita al ciclista di finire d’un tratto dalla sicurezza del percorso protetto direttamente sul viale dove sfrecciano le auto. La classica opera pubblica che con pochissimi soldi di spesa e poco lavoro riesce a dare un’immagine migliore e un servizio migliore.

BAD NEWS
Il marciapiede virtuale rimane tale

Porto d’Ascoli, zona Sentina: l’incrocio fra via del Cacciatore e via Goffredo da Buglione rimane un esempio di schizofrenia applicata alla viabilità. Scarsissima visibilità per le auto che si avvicinano all’incrocio provenendo da via Mare, con frequenti scontri “certificati” dai dati statistici sugli incidenti raccolti dall’ufficio comunale del traffico.
Nulla la sicurezza per i pedoni, a cui il passaggio è di fatto interdetto a causa della mancanza di marciapiedi. Anzi no, dal lato del centro servizi che si affaccia sull’incrocio il marciapiede esiste. Cioè, esiste il disegno del marciapiede, ma il marciapiede per così dire è vuoto, pieno di erbacce che proliferano lì dove ci dovrebbero essere le mattonelle per il passaggio pedonale.
Il marciapiede virtuale rimane tale. Eppure basterebbe poco. Se non altro per dare una migliore immagine ai turisti della Repubblica Ceca che d’estate sbarcano con i loro autobus proprio in quel punto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 700 volte, 1 oggi)