GROTTAMMARE – La solidarietà è internazionale. I rappresentanti degli enti locali e delle Regioni gemellate con il Popolo del deserto, il Saharawi, che operano a favore dell’autodeterminazione e dell’indipendenza del Sahara Occidentale si sono incontrati nel week-end del 12 e 13 dicembre nella capitale nordafricana, con gli intergruppi parlamentari esistenti nei diversi Paesi e nel Parlamento europeo e con personalità del mondo politico e culturale provenienti da tutti i continenti.

L’iniziativa, organizzata dal Comitato nazionale algerino di Solidarietà al popolo Saharawi, ha l’obiettivo di compiere un bilancio dell’azione svolta e condividere impegni e nuove azioni politiche a sostegno di una soluzione giusta dell’annoso conflitto marocchino-saharawi, alla luce della recente ripresa dei colloqui tra le due parti.

Intanto, il palazzo municipale è stato teatro nei giorni scorsi di un incontro “a sorpresa” tra il sindaco Luigi Merli e l’ex ambasciatore del Perù in Italia, Carlos Roca. Un “fuori agenda” a cui il diplomatico peruviano non ha voluto rinunciare, nell’ambito di una visita a varie realtà imprenditoriali del Piceno.

In questo momento, infatti, l’alto funzionario peruviano riveste la carica di presidente dell’Icopi – Istituto per la cooperazione Perù-Italia (ha lasciato l’incarico di ambasciatore del Perù in Italia nel mese di giugno) e appresa la tradizionale apertura del comune di Grottammare verso progetti di cooperazione internazionale – tra cui anche la nota collaborazione con l’Associazione Perù che raggruppa i peruviani residenti nella provincia di Ascoli Piceno – ha espresso la volontà di conoscere il primo cittadino, auspicando l’avvio di un percorso di collaborazione e amicizia che possa sfociare anche con intese di tipo istituzionale tra i due Paesi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 431 volte, 1 oggi)