ASCOLI PICENO – Discariche di rifiuti tossici, amianto e altri materali pericolosi, sono state trovate da Legambiente in diversi anfratti e aree facilmente accessibili a Colle San Marco, “giardino” esterno e parco dei divertimenti con verde attrezzato, soprattutto per i ragazzi, situato alle spalle di Ascoli.

Sul grande pianoro del Colle, a 600 metri di altezza e 7 chilometri di distanza dal centro cittadino, esisteva un enorme cava di travertino, ora abbandonata. In quella zona, ai margini del pianoro, ma ad appena 300 metri dalla strada che attraversa la zona e sale fino alla frazione di San Giacomo, sul Monte Piselli, già in provincia di Teramo, sono state scoperte le discariche. Contengono, secondo Legambiente, notevoli quantità di amianto, oltre a lavatrici, televisori, rifiuti urbani e scarti di lavorazioni industriali.
Uno scempio ambientale e un pericolo costante per ragazzi, famiglie e frequentatori che a migliaia visitano regolarmente il pianoro e che, secondo il responsabile di Legambiente Paolo Prezzavento, sembra sia alimentato e ampliato da anni soprattutto nelle ore notturne, con un andirivieni di mezzi e persone. Il responsabile di Legambiente Ascoli ha anticipato all’Agi la determinazione a denunciare la situazione all’Arpam (Agenzia Regionale per l’Ambiente) di Ascoli, oltre che al Corpo forestale dello Stato e ad altre istituzioni.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.333 volte, 1 oggi)