Cinque soci, Gianni Corradetti, Massimo Tomassino, Paolo Carminucci e Gino Palestini, hanno fondato un gruppo che ha raccolto l’iscrizione di 2465 fans. Dopo un attesa di mesi che ha suscitato tanta curiosità, finalmente è stata svelata la data di apertura della nuova discoteca.

Così è cominciata l’avventura “Studio3”, il locale di Centobuchi che verrà inaugurato sabato 5 dicembre.

Il nome è stato dato in onore al famoso negozio di dischi d’importazione diretta che ha servito tutte le discoteche d’Italia dal ’76 a ’81, “Studio3” di Tonino Mauro, il proprietario delle mura che ospiteranno il nuovo locale, che farà parte dello staff, visto l’esperienza trentennale in ambito musicale.

Lo stabile è stato tempio di divertimento fin dalla sua nascita, prima come discoteca “Oxigen” e poi come nigth “Mirage”. Da sabato, l’ambiente, si presenterà al pubblico, completamente rinnovato, con atmosfere anni 70/80. Verranno utilizzati vecchi impianti audio rivisitati grazie alle nuove tecnologie e le vecchie luci (teste mobili), per riproporre lo stile delle discoteche di una volta.

« La fonte primaria di attrazione di un locale deve tornare “il piacere”: il piacere di parlare, conoscersi, ballare e divertirsi. L’avventore stesso dovrà essere l’animatore principale» spiga Gianni Corradetti, uno dei soci.

Si comincerà con due serate settimanali. Il venerdì, dedicato alla musica anni 70/80 e ispirato allo Studio54, al concetto di club, di cui si potranno apprezzare le sonorità dal 18 dicembre. Il sabato, dal 5 dicembre in poi, il dj Gino Palestini e il vocalist Bubu movimenteranno il divertimento invernale della vallata del Tronto con la musica house commerciale.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.807 volte, 1 oggi)