MONTEPRANDONE – Un pezzo di Napoli a Monteprandone. Domenica 29 novembre nella cittadina, si è tenuta l’annuale Fiera dedicata al Santo Patrono della città, San Giacomo della Marca, compatrono di Napoli.

La novità di quest’anno è stata la decisione, da parte del Comune di Monteprandone, di invitare a partecipare tutte le città che sono state toccate, in vita, dal Santo. Tra le altre hanno aderito Ancona, Ascoli Piceno, Assisi, Fermo, L’Aquila, Loreto, Norcia, Perugia, Recanati, San Benedetto del Tronto.

Anche Napoli ha partecipato all’evento con i suoi artigiani che hanno esposto i loro prodotti all’interno di appositi locali messi gratuitamente a disposizione dalla locale amministrazione comunale.

L’Associazione Anapreca (Associazione Napoletana Artisti e Presepisti Campani) quindi ha esposto, oltre agli spettacolari presepi tradizionali, anche quelli in miniatura magistralmente creati dal Presidente dell’Associazione, Gennaro Corona. In più, dipinti e lavori ad uncinetto che richiamano la tradizione antica delle nostre bisnonne.

Nel tardo pomeriggio di domenica, poi, il Gonfalone della città di Napoli, ha partecipato alla processione con i Gonfaloni degli altri Comuni e Province presenti.

L’Assessore allo Sviluppo con delega all’Artigianato del Comune di Napoli, Mario Raffa, ha dichiarato: «Ringrazio il sindaco, Stefano Stracci, per aver invitato la città di Napoli alla Fiera annuale di Monteprandone. Occasioni come queste sono utili alla promozione, al di fuori dei confini regionali, dell’artigianato artistico e religioso della nostra città».

«La cooperazione – ha proseguito l’assessore – tra la città di Napoli e i comuni di piccole dimensioni, ma ricchi di tradizione artigianale e commerciale come quello di Monteprandone, è importante anche alla luce dell’ingresso della nostra città nella rete delle città e province competitive, il progetto promosso dall’Aislo, Associazione Italiana per lo Sviluppo Locale che ha lo scopo di attivare percorsi di miglioramento reciproco mediante il confronto con altre città».

Ha concluso Raffa: «A questo proposito ho invitato Stracci a partecipare alla tre giorni “Città e Futuro” che si svolgerà a Napoli, presso “Città della Scienza” dal 10 al 12 dicembre e che sarà dedicata proprio all’esposizione e al trasferimento di buone pratiche tra le città e i relativi attori dello sviluppo, dalle imprese, alle università, ai centri di ricerca, alle associazioni, alla Pubblica Amministrazione».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.528 volte, 1 oggi)