SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Ecco come fare le “fochere” in tutta sicurezza. Il dipartimento Protezione Civile della Regione Marche ha diffuso alcuni consigli per lo svolgimento in sicurezza dei falò solitamente accesi nella sera del 9 dicembre, per la tradizione della “venuta della casa nazaretana a Loreto”.

Innanzitutto si raccomandano distanze sufficienti, sia in senso orizzontale che verticale, ad impedire la propagazione del fuoco presso edifici, chiome di alberi, linee telefoniche, di pubblica illuminazione e di distribuzione elettrica. Il luogo dovrebbe inoltre consentire lo spostamento e lo stazionamento di persone in piena sicurezza.

Nel caso di falò nelle piazze o larghi nei centri storici, essi dovranno essere di ridotte dimensioni e realizzati in veri e propri “spazi confinanti” come contenitori, bracieri. E naturalmente, precauzioni aggiuntive dovranno essere prese in caso di forte vento. Quanto ai materiali da bruciare, essi dovranno essere solo lignei, escludendo quelli inquinanti o intossicanti, ovvero plastica, rivestimenti in formica o gomma e altro.

Per quello che riguarda il fuoco invece, dovrà essere innescato senza liquidi infiammabili come alcol e benzine ma utilizzando in alternativa carta o materiali a lenta combustione (per esempio diavolina). A fine manifestazione, la Protezione Civile raccomanda di spegnere accuratamente tutte le braci.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 755 volte, 1 oggi)