CHESSARI 6 Non deve impegnarsi granché: il gol di Cacciatori è l’unico vero tiro in porta degli ospiti, che approfittano dell’unico svarione difensivo rossoblu
OGLIARI 6,5 Viene “bucato” da Pompei in occasione del gol del pareggio, ma per il resto mantiene sempre costante l’attenzione evitando pericoli ed appoggiando, al solito, l’azione di centrocampo.
NICOLOSI 6 Gli manca ancora qualcosa per dare il suo pieno contributo al centrocampo, ma contemporaneamente non ha problemi quando si tratta di difendere. Per un “under” questo ed altro.
D’ANIELLO 6,5 Non lucidissimo nella prima parte di gara, come tutti sale di tono nella ripresa e diventa insuperabile assieme ai compagni di centrocampo.
PULCINI 6,5 Lui e Mengo si perdono Cacciatori soltanto in occasione della rete canarina. Per il resto la loro gara è impeccabile.
MENGO 6,5 Stesso voto e stesso giudizio già assegnato a Pulcini.
D’ANGELO 7,5 Non gli diamo “8” soltanto per due motivi: nel primo tempo va a sprazzi e crediamo che vada ben stimolato perché il meglio deve ancora darlo. Ogni volta che tocca palla crea pericoli agli avversari. Strabiliante la sua prima rete, che denota una classe di almeno tre categorie sopra. Spettacolare la sua prima intervista in sala stampa, che il ragazzo di Appignano (classe 1990) condisce di battute simpatiche, all’apparenza sfrontate ma spesso imbarazzate, senza temere di rispondere “sci oh” per esprimere un’affermazione. Una mascotte di lusso.
RULLI 7 Nel primo tempo è il migliore prova a fare il D’Angelo: sulla corsia destra buca la difesa ospite e in uno dei suoi raid nasce l’autogol di D’Eustacchio. Ottimo comunque per tutti i novanta minuti
BASILICO 6 Meriterebbe meno per la grossa occasione sciupata alla mezz’ora (concede poi il bis qualche minuto dopo), anche se svolge un lavoro di sponda molto importante verso tutti i compagni. L’assist a Rulli in occasione dell’1-0 ne è l’esempio.
CACCIATORE 7 Un gattone che poi ti graffia quando più nessuno se l’aspetta. Realizza il quinto gol stagionale approfittando di una grave disattenzione ospite mettendo a sedere il portiere fermano. E’ evidentemente di altra categoria, anche la D gli starebbe stretta
ZAZZETTA 7 Provoca l’autorete di D’Eustacchio e fornisce a D’Angelo il cross per il 2-1. Corre e non si risparmia neanche un secondo. Anche lui va vicino al gol personale.
MENICHINI 6,5 Torna al gol e scaccia i fantasmi dopo un lungo periodo di digiuno. D’Angelo gli offre un pallone che poteva soltanto essere messo in rete, e lui non si fa pregare.
GENTILI 6 Entra in un’orchestra che sta suonando a pieno regime e ha il compito di non steccare. Lo esegue alla perfezione, gli manca soltanto l’assolo del gol che sfiora più volte.
NICOLOSI s.v. Entra soltanto per far presenza e far prendere l’applauso del pubblico a D’Angelo.

PALLADINI 7,5 Anche per lui “8” solo a prima posizione conquistata o vittoria del campionato. Ha trovato oramai la quadratura del cerchio con il 4-4-2, anche se significa sacrificare un giocatore come Giandomenico, e ha avuto la fortuna di trovare un gioiello quale l’under D’Angelo, di un livello che nessuno può vantare in categoria. Azzecca tutte le mosse.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.350 volte, 1 oggi)