ASCOLI PICENO – Il picco di influenza H1N1 nel territorio regionale pare stia dando i primi segnali in discesa. Almeno analizzando i casi relativi ai recenti casi accertati, che sono passati negli utlimi giorni da 42 a 35 ogni mille abitanti.

L’ultimo caso grave riguarda una donna di Ascoli di trent’anni, trasportata sabato scorso d’urgenza nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Ancona. La donna ha subito complicazioni per essere stata contagiata dal virus durante il parto del suo terzo figlio. E’ risultata positiva al secondo test alla quale era stata sottoposta, dopo che il primo aveva dato esito negativo. Le sue condizioni, inizialmente molto critiche, appaiono ora in evidente stato di miglioramento.

Attualmente sono due i decessi registrati nelle Marche per il virus H1N1. In entrambi i casi i pazienti presentavano patologie pregresse.

Ora si attende un altro picco di influenza per i mesi di Gennaio e Febbraio. Sperando che nel frattempo il virus non si rafforzi passando da persona a persona, come aveva spiegato a www.rivieraoggi.it il primario del reparto di Malattie infettive di Ascoli Marco Gobbi, il quale, proprio per questo motivo, sottolineava l’importanza anche“sociale” della vaccinazione, fondamentale per bloccare l’espansione del virus.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 660 volte, 1 oggi)