MACERATA – La Samb ha vinto, viva la Samb. Ma ce la siamo vista brutta, e altrettanto nera l’avrebbero vista i giocatori rossoblu se avessero riportato a casa una sconfitta. Per loro si sarebbero aperte le porte del ritiro, come dopo lo psicodramma casalingo con la Cingolana. Sembrano passati anni, ma oggi abbiamo rischiato il ritorno a quei momenti bui.

«Se avessimo perso, avrei mandato tutti in ritiro», dice Sergio Spina nella sala stampa del piccolo stadio “della Vittoria”, ancora visibilmente teso, in pieno scarico di adrenalina. «A Kabul, li avrei mandati in ritiro stavolta», aggiunge scherzosamente.

L’imprenditore cuprense poi commenta la partita, in cui la rosa ampia della Samb è stata la vera arma in più, con l’ingresso di Gentili e Basilico che ha rinvigorito un attacco dove un Cacciatore impreciso e un Menichini sfortunato avevano faticato non poco.

«Ora siamo lanciati per il match contro la Fermana. Le altre partite? Io non le guardo, cioè, i risultati degli altri non mi interessano. Sono molto contento per Basilico, veramente, perchè si è sempre impegnato e allenato con voglia e professionalità. Fa la panchina, ma non dimentichiamo che nelle ultime quattro annate ha vinto tre campionati». Sull’operato dell’arbitro, al contrario del diesse Spadoni, Spina ha parole di elogio. «Ha operato bene. Sul gol annullato a Menichini, beh forse l’errore l’ha fatto il guardialinee».

L’allenatore della Vis Giovanni Trillini è una maschera di rammarico. Traditi sul più bello da un pesante errore difensivo, dopo il pareggio la sua squadra si è sciolta come neve al sole. «Il calcio è questo, cosa volete, quel pareggio è stata una mazzata che ci ha tagliato le gambe. Onore a questa Samb, ma noi fino ad allora eravamo stati bravi a chiuderle tutti gli spazi».

Ottavio Palladini gioisce per una vittoria «meritatissima» nella quale la sua mano di allenatore può apporre una firma visibile e determinante. La sua scelta di cambiare nello stesso momento il tandem d’attacco lo ha premiato: «Cerco di sfruttare al meglio la ricca rosa che ho, questo era un campo difficilissimo per le sue dimensioni, serviva forza e concentrazione, capacità di recupero dopo una settimana intensa. Io Menichini e Cacciatore non li ho mica bocciati, li ho sostituiti perchè avevano speso tantissimo facendo molti tagli in verticale, senza purtroppo concretizzare. Avevano dato tutto, stavamo perdendo, la mia è stata una scelta del tutto logica».

Un pareggio grazie a un macroscopico errore del terzino destro Cotichelli, che invece di appoggiare al portiere di testa compie un vero assist mettendo una palla di petto al centro dell’area, con il portiere spiazzato sull’accorrente Basilico. Ma anche il gol di Moreno è stato viziato da un grosso buco difensivo nostro, il mancato intervento aereo di Pulcini. Palladini lo rivendica: «Abbiamo pareggiato rocambolescamente? Beh anche il vantaggio della Vis glielo abbiamo regalato. Dico solo una cosa, meritavamo ampiamente di vincere».

A onor del vero soprattutto nella ripresa il gioco della Samb è rimasto invischiato in una ragnatela ambientale e tattica, pagando la scarsa vena di alcuni singoli. Come Ivan D’Angelo, che è partito bene, ha avuto un momento di calo per metà partita, mostrandosi leggerino e a tratti presuntuosetto con la palla tra i piedi, certamente poco efficace nelle ripartenze e negli scambi a breve. Ma poi la classe del ragazzino d’oro è venuta fuori. Da applausi un cross di esterno destro dal fondo, da baciare il dribbling in area che ha sortito il tiro respinto dal portiere Piergiacomi sui piedi pronti al raddoppio di Mauro Basilico.

«D’Angelo ultimamente sta facendo benissimo – lo elogia il mister – e poi è un under, il che non guasta. Voglio spendere una parola per l’altro giovanissimo, Matteo Nicolosi, che si sta dimostrando una garanzia». Pienamente d’accordo, il terzino sinistro è un giocatore che sicuramente meriterà di giocare in categorie più alte.

Spazio poi ai goleador di giornata, Basilico e Gentili. Il secondo sprizza gioia dopo un inizio stagione non facilissimo: «La partita si era veramente messa male all’inizio, ma nonostante questo avevamo avuto un sacco di occasioni da gol. Certamente giocare sul sintetico e con un campo di queste dimensioni ha facilitato la squadra di casa che è abituata. Il fatto che abbiamo segnato io e Basilico dimostra che abbiamo un parco di attaccanti di grosso valore. Se penso adesso di partire titolare? Non lo so, sarà il mister a scegliere».

Basilico invece vuol continuare a “mettere in difficoltà” Palladini: «Sono doppiamente contento, sia per la mia doppietta sia perchè grazie ai miei gol abbiamo ribaltato il risultato. Pur giocando poco, questo è il mio quinto gol stagionale tra Coppa e campionato. Io non posso fare altro che mettere in difficoltà il mister, impegnandomi al massimo. Meno male che oggi abbiamo vinto, perchè la sconfitta avrebbe provocato nuove polemiche. La Samb non può perdere, deve sempre vincere. Relativamente all’assenza dei tifosi, ritengo che la Samb sia stata svantaggiata oggi, ci avrebbero sicuramente aiutato nei momenti difficili».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.878 volte, 1 oggi)