da Riviera Oggi numero 800 in edicola

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Continua la bella tradizione della boxe sambenedettese: domenica 15 novembre, al Palazzetto dello Sport “Bernardo Speca” di San Benedetto si sono svolti, davanti ad una buona affluenza di pubblico, undici incontri di pugilato organizzati dall’Accademia Pugilistica Sambenedettese. I ragazzi del maestro Kaflot Kabunda hanno confermato il loro valore riportando a pieno titolo la pugilistica rossoblu come protagonista nell’ambito regionale.
Incoraggianti le prestazioni della scuderia dei giovanissimi Lupidi, Elkine e Kipper che hanno aperto la manifestazione con tre incontri di esibizione; buone le prestazioni dell’esordiente Amadio e del campione regionale Urbano che ha ottenuto un pari con l’ascolano Villa in un intenso combattimento sulle quattro riprese; entusiasmanti le conferme del gladiatorio Secchiaroli contro il pescarese Angelini, del campione regionale Tryzna contro il temibile Trovarelli della San Salvo Boxe, del promettente Gulamuso contro l’abruzzese Stanchi che ha dovuto arrendersi alla terza ripresa per intervento medico.
La manifestazione, patrocinata dall’assessorato allo Sport e dalla Call2u di San Benedetto del Tronto, conferma il valore di una generazione di pugili che stanno di prepotenza riportando il pugilato ai vecchi fasti del passato.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 866 volte, 1 oggi)