SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nuovo look per il “Giulio Merlini” – meglio noto come “Campo Europa” – che domenica 22 novembre verrà presentato ufficialmente al pubblico sambenedettese.

Dopo gli iniziali saluti del sindaco Gaspari e di Vincenzo Sciocchetti della Mariner e la benedizione impartita dal Vescovo Gestori (ore 11), si terranno minipartite di calcio fra giovani calciatori delle squadre sambenedettesi che indosseranno le storiche maglie delle società sportive cittadine, ben 68: dalla Pelota alla Picena, dalla Folgore all’Internazionale, dall’Orpas alla Vela. Saranno indossate dai ragazzini di Torrione, Ragnola, Agraria, Porto d’Ascoli, Mariner, Samb Vit 97, Oasi Santa Maria. Il modo migliore per inaugurare un impianto definito dagli esperti «di ultimissima generazione».

Una emozione anche per intere generazioni di ragazzi sambenedettesi che, proprio sul terriccio ghiaioso del “Giulio Merlini”, tra rimbalzi irregolari, ginocchia sbucciate e scivolate impossibili, ha imparato a dare i primi calci al pallone, sognando magari di diventare, in quella breve stagione della vita che è l’infanzia e l’adolescenza, un piccolo campione. Qualcuno (Palladini, Vecchiola, Parlato, solo per citarne tra i più recenti) c’è anche riuscito.
San Benedetto ha ora una struttura in erba sintetica  dopo il “Ciarrocchi” che ha subito la trasformazione alcuni anni fa. Il pregevole manto, realizzato ad un’altezza di sicurezza di 1,30 m dal suolo, è stato inoltre accompagnato da un importante lavoro di inserimento di calcestruzzo nel terreno e dall’innesto di un materassino drenante per la raccolta della pioggia.

«In questo modo il campo sarà compatto e le acque potranno incalanarsi e scaricarsi su griglie laterali» afferma l’ingegnere Solio Ruggeri. «Stasera, giovedì 19 novembre – aggiunge – verrà omologato anche l’impianto d’illuminazione per le gare in notturna e sono già stati eseguiti i collaudi da tecnici preposti dalla Lega Nazionale Dilettanti».

Dichiarazioni che rendono ovviamente orgoglioso l’assessore allo Sport Eldo Fanini: «La riqualificazione dell’ “Europa” si unisce ad altre operazioni apportate su altri campi da questa amministrazione. Così facendo intentiamo offrire complessi adeguati agli atleti e promuovere il turismo sportivo della città». Una tesi sostenuta e rivendicata anche dallo stesso sindaco Giovanni Gaspari, che non lesina un lungo elenco di interventi portati al settore a partire dal 2006. Dagli spogliatoi ristrutturati del Circolo Tennis “Maggioni” ai manti erbosi (sempre sintetici) posati nei campetti di Via Formentini, Via Montello e al quartiere Ragnola, dalla messa in sicurezza della Piscina Comunale alla costruzione polivalente presso Fosso dei Galli: «Il panorama è vasto», spiega il primo cittadino. «Domenica sarà per me un’emozione grande. Con questi interventi i nostri ragazzi potranno utilizzare spazi più idonei e sicuri».

Il sindaco lancia però un monito: «L’impegno non può riguardare solo il pubblico; le risorse scarseggiano. C’è quindi sempre più di privati che mettano del proprio».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.064 volte, 1 oggi)