MONSAMPOLO – L’Equipe Spa, azienda metalmeccanica di Stella di Monsampolo, ha deciso per i nove licenziamenti, temuti dai sindacati dopo le avvisaglie degli ultimi mesi. Le organizzazioni sindacali avevano proposto all’amministratore delegato un anno di cassa integrazione, la rotazione tra i lavoratori omogenei nella mansione e l’uscita volontaria incentivata. Affermano dalla segreteria provinciale della Ugl Metalmeccanici: «Avevamo proposto di attendere l’evoluzione del mercato, per poi compiere una verifica definitiva fra un anno. L’Equipe, accettando questa proposta, avrebbe abbattuto i costi in relazione ai volumi prodotti e i dipendenti avrebbero mantenuto il posto di lavoro, facendo restare in azienda le proprie professionalità».

Ma la proposta non è stata accolta. L’amministratore delegato dell’Equipe Spa, secondo quanto riferisce l’Ugl, nell’incontro in Regione di venerdì scorso al termine della procedura di mobilità è stato inflessibile; ha ribadito che nove lavoratori dovevano andare fuori dall’azienda e non sarebbero più rientrati.

«Contestiamo duramente la posizione assunta dall’Equipe e ravvisiamo in questo atteggiamento una volontà dell’azienda di espellere lavoratori non graditi – sottolinea la sigla sindacale – questa sensazione è consolidata da strumentali spostamenti di lavoratori avvenuti ultimamente da un reparto all’altro. In Regione la Ugl Metalmeccanici si è rifiutata di firmare il mancato accordo e certamente il contenzioso si sposterà nella Aule del Tribunale».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.467 volte, 1 oggi)