diretta web dalla sala stampa del Riviera delle Palme
PALLADINI A me la Samb è piaciuta sempre col rammarico della sconfitta contro la Cingolana. Oggi siamo stati bravi a sfruttare le occasioni che ci siamo create, già all’inizio potevamo segnare con D’Angelo e Cacciatore. Di facile non c’è niente per me nè per nessuno. I ragazzi sanno quello a cui vanno incontro e quello che dobbiamo fare in questo campionato. Dobbiamo crederci sempre, fino alla fine. Abbiamo dato dignità ai risultati, abbiamo lasciato pochi punti da quando ci sono io, con me 21 punti su 27. Certo ci fa piacere che qualcuno possa perdere punti. D’Angelo? Mi sembra che sia della Samb. Io ci credo perché è un buon giocatore e buon atleta, deve ancora crescere perché è classe 1990, per me è un under molto buono, ci sta dando una mano ma non dobbiamo fargli troppi complimenti, deve ancora dimostrare tutto. Giandomenico sull’esterno? Può essere un’idea, abbiamo tre centrocampisti che possono darci un assetto diverso, in futuro potremmo vederlo anche dietro le punte. Oresti? Secondo me c’entra poco con l’Eccellenza. Non giocava da cinque mesi, ma quando è rientrato ha giocato sempre, forse nel primo tempo ha sbagliato qualcosina, ma è stato molto bravo. Dobbiamo vincere sempre, ma occorre pensare di partita in partita altrimenti non riusciamo a gestirci. Domenica non sarà facile, sappiamo che dobbiamo vincere per poi affrontare gli scontri diretti con Vis, Urbania e Fermana.
SPINA Stiamo risalendo piano piano. Il campionato non è facile e ogni partita è una gara a sè, basta vedere i risultati di oggi. Dobbiamo dare seguito ai risultati per arrivare alla vetta per la vittoria del campionato. Oggi dal primo all’ultimo hanno tutti dato il massimo, abbiamo trovato la formula sulla destra con Ogliari e D’Angelo, al centro D’Aniello è tornato al posto di Rulli, mi dispiace per chi è in panchina ma si gioca in undici. D’Angelo? È nostro. Adesso è una sorta di mascotte della squadra, i compagni gli stanno insegnando come comportarsi in mezzo al campo, se continua così crescerà moltissimo. Gli stipendi? Tre hanno stipendi importanti, il resto sono nella norma della categoria. Abbiamo fissato un premio aggiuntivo per la vittoria del campionato, all’inizio dovevamo fare la Serie D, e motivare persone come Giandomenico, Mengo o Pulcini. Cercheremo di prendere in settimana Pierucci, un giovane di valore che martedì farà i test atletici. È un under del 1990. Menichini? È nervoso perché non segna, ma ha fatto fare due gol. I tifosi a Macerata? Loro giocano di sabato, il loro presidente ha provato a sbloccare la situazione, ma sembra che non si riesca a far nulla. Samb-Fermana a porte chiuse? Non ne so niente e non credo, al limite decideranno di vietarla ai tifosi ospiti.
FAVI Basta vedere la panchina della Samb: Giandomenico, Gentili e Basilico, per capire la sua forza. Era una tappa importante, ma non abbiamo potuto far nulla. La difesa della Samb? Mengo e Pulcini giocano da tanti anni, tanto di cappello alle loro qualità. Oggi 3 gol presi, contro i due delle ultime 8 gare. Un conto incontrare Cacciatore e company, un conto un giocatore qualsiasi. La Samb con l’Eccellenza non c’entra nulla. Non sono contento della mia difesa, soprattutto sui primi due gol. Anche se potevano segnare altri gol. È normale che come potenziale sulla carta la Samb non dovrebbe avere problemi a vincere, ma è il campo che decide. La Vis alla terza di campionato, da noi, ci fece una buona impressione.
ZAZZETTA Non è sempre facile, ma una volta sbloccata la partita allora siamo andati in discesa. Oggi buona partita ma si può sempre migliorare, oggi abbiamo fatto diverse combinazioni veloci che mettono in difficoltà degli avversari. Il merito va diviso tra tutti, abbiamo sfiorato il quarto gol. Per me la marcatura vale tanto, non sono abituato a farne molti. Sono stato fermo per alcune partite, compresa la Coppa Italia, oggi sono rientrato e sono felice del gol e della prestazione. Il fatto che io sia di San Benedetto certamente mi dà più stimoli, perché conosco bene l’ambiente, ma ho sempre vissuto da tifoso e mi sono interessato alle vicende della Samb. Per me è un valore aggiunto, ma credo che i miei compagni si impegnino allo stesso livello. Sognerei di accompagnare una scalata della Samb verso l’alto, ma l’importante è dare continuità ai risultati. Fuori casa non è mai facile.
D’ANIELLO Per quello che si è visto la Samb è stata perfetta, abbiamo continuato sempre sullo stesso livello, senza rischiare più di tanto. L’ammonizione? Capita, si poteva evitare ma fa parte del gioco. Il campionato è ancora lungo. Certo, anche per il pareggio sembra che venga una tragedia, invece ogni punto è sudato. Non abbiamo mai trovato squadre che ci hanno regalato dei punti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.611 volte, 1 oggi)