“Da domani mi metterò a dieta!”, “Non mangio niente eppure ingrasso”,“Colpa del metabolismo lento…colpa dell’intolleranza alimentare”, “Passo da una dieta all’altra, ma non ne porto a termine nessuna”,“Fino a pranzo reggo, ma poi a cena…”,“Devo cucinare per il resto della famiglia” ,“Come resistere a tante cose buone”,“Proverò in una beauty farm o con qualche massaggio”,“Per tre giorni non provo cibo… così 2 kg in meno!”,“Magari digiuno per un pò, ma di muovermi non se ne parla”,“E le cene di lavoro e con gli amici? ”…

Queste, ed altre ancora, sono le affermazioni più frequenti di chi deve seguire un regime alimentare per dimagrire, ma che trova non pochi ostacoli alla concretizzazione.
È ormai noto che il sovrappeso e l’obesità rappresentano un elevato indice di rischio per la salute e, anche se la genetica gioca un ruolo importante, le cause principali sono sempre un eccesso di calorie e la mancanza di attività fisica.
Raggiungere e mantenere il peso forma non è facile, perché oltre la presa di coscienza dei validi motivi per iniziare a perdere il grasso in eccesso, occorreranno impegno, costanza ed ottimismo, in modo che non si tardi ad arrivare all’obiettivo prefissato.
Lo scopo, oltre che perdere i chili di troppo, è anche quello di portare ordine nell’alimentazione.
Ma prima di iniziare un regime alimentare, sono necessarie alcune raccomandazioni:

Imparare ad accettare il proprio corpo. Un fisico tipicamente mediterraneo non dovrà mai aspirare a diventare un fisico nordico. Prefiggersi un traguardo raggiungibile, oltre che ritrovare fiducia ed equilibrio… senza rincorrere ingannevoli traguardi.

No, ad un regime dietetico lontano dalle proprie abitudini. Un programma alimentare dovrà sempre tener conto delle abitudini alimentari della persona: verranno portate modifiche solo se queste sono errate.

Mangiare non deve rappresentare la valvola di sfogo per problemi personali, affettivi …o trovare rifugio nel cibo per reprimere ansia o insoddisfazioni. Così come non è buona cosa contare le calorie degli alimenti ed avere un atteggiamento “esasperato e proibitivo” verso i cibi particolarmente calorici.

Una dieta corretta deve essere equilibrata, varia e completa; basta non eccedere e avere sempre “buon senso” nel rapporto con il cibo. La trasgressione non compromette il risultato, se occasionale.

Non scegliere la via più breve per dimagrire. Pillole, o quant’altro, possono certamente far scendere peso velocemente, ma oltre che fare danno alla salute, non addestrando ad un corretto regime alimentare, si corre il rischio di riprendere i chili persi e, con il tempo, diventa sempre più difficili eliminarli.

Non scendere più di 1 chilo la settimana, per non perdere massa muscolare ma solo massa grassa e liquidi in eccesso.

Mai saltare i pasti: si rischia di non avere energia sufficiente per far fronte agli impegni della giornata; bere molta acqua aiuta il corpo a depurarsi, a smaltire le tossine e rende più facile il transito intestinale.

La beauty farm rappresenta un’ottima soluzione per disintossicarsi ma non rappresenterà mai una soluzione ai problemi quotidiani di uno stile di vita sbagliato.
Meglio affidarsi a strutture o specialisti da cui andare periodicamente (dietologo, centro per il dimagrimento, palestra, estetista…) .

In molti casi potrà essere di aiuto tenere un “diario alimentare” dove segnare tutto ciò che si mangia, l’orario, il luogo e lo stato d’animo; spesso il primo passo per controllarsi è mettere in evidenza i propri punti deboli.

Infine… oltre un corretto regime alimentare è altrettanto importante, al fine del controllo del peso, svolgere un’ idonea e regolare attività fisica; vincere la pigrizia, e muoversi per bruciare calorie, velocizzare il metabolismo ed ottenere una buona forma fisica. Si migliorerà inoltre il senso del benessere, il tono dell’umore e si terranno lontano molte malattie.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.104 volte, 1 oggi)