ALBA ADRIATICA – Clima sempre più incandescente ad Alba Adriatica dove alle tensioni fra i cittadini e la comunità rom si aggiungono quelle tra lo schieramento politico della Lega Nord Abruzzo e il sindaco Franchino Giovannelli di cui chiedono le dimissioni.

Alla base delle critiche la protesta che alcuni rom hanno innescato in Comune nella mattinata di giovedì 12 novembre a seguito della rappresaglia subita nella notte su auto e abitazioni.

«Un corteo di rom – si legge in una nota  – ha invitato Giovannelli a difenderli in quanto “suoi elettori”». I responsabili della Lega di Teramo Antonio Burrini e Franco De Angelis, e Simona Tavoletti di Alba Adriatica chiedono pertanto «le dimissioni immediate del “sindaco degli zingari”».

Intanto la Lega Nord di Teramo, in accordo con la Lega della provincia di Ascoli «sarà al fianco  dei cittadini per manifestare la rabbia che è stata scatenata dall’assassinio a mani nude da parte di tre zingari di Emanuele Fadani».

Sulla vicenda l’onorevole Marco Rondini, commissario regionale per la Lega abruzzese, ha richiesto un dossier sulla questione sicurezza nella zona costiera della Val Vibrata, al fine di presentare un’interrogazione al Governo.

«E’ arrivato il momento – prosegue al nota – di assumere decisioni drastiche: sgomberare i campi rom e prevedere l’impiego dei militari dell’Esercito per le ronde di controllo e prevenzione».

Alla luce dell’omicidio di Fadani e del precedente caso accaduto solo tre mesi in cui il giovane Antonio De Meo è morto nelle stesse circostanze, la Lega torna a sollecitare i sindaci di Alba Adriatica e di Martinsicuro e il Prefetto di Teramo sulla necessità di far diventare stabile il presidio della Polizia di Stato rimasto attivo a Martinsicuro per tutto il periodo del G8 e smantellato subito dopo.

«C’è stato, purtroppo, da allora – concludono – un susseguirsi di inaccettabili violenze tutte originate dalla ostilità della popolazione di etnia rom verso l’integrazione con gli italiani, e dal rifiuto del rispetto delle leggi di questo stato».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.179 volte, 1 oggi)